Vibo Valentia, l’ex magistrato Elio Costa rieletto sindaco

L’ex giudice Elio Costa, quando mancano solo 4 sezioni al termine, ha conseguito una percentuale di poco sopra il 50% che che gli consentirebbe di vincere al primo turno evitando il ballottaggio. Elio Costa viene eletto sindaco di Vibo Valentia per la seconda volta.

Il suo sfidante principale, Antonio Lo Schiavo, candidato ufficiale del centrosinistra, è distanziato di ben 13 punti. Il neo sindaco sul proprio sito ha ufficializzato la vittoria al primo turno.

A Lamezia Terme la sfida è tra Paolo Mascaro, candidato del centrodestra, e Tommaso Sonni, candidato del centrosinistra. Sebbene il primo sia largamente avanti (oltre il 40% contro il 28) non pare avere i numeri per vincere al primo turno e sarà ballottaggio tra i due.

A Castrovillari Domenico Lo Polito, candidato appoggiato dal centrosinistra, ha di fatto vinto il primo turno con una percentuale attorno al 43% contro Giuseppe Santagada, alla guida di una coalizione civica, che ha ottenuto una percentuale di consensi intorno al 37%, ma ancora non sono finiti gli spogli.

Anche a Gioia Tauro il risultato appare delineato con Giuseppe Pedà, candidato del centrodestra, che vince il primo round con circa il 35% e Aldo Alessio, appoggiato dal Pd, che si giocherà tutto al ballottaggio ma che ora ha ottenuto circa il 23% dei voti.

A Siderno Pietro Fuda, sostenuto dal centrosinistra e da coalizioni civiche ha vinto la corsa con la percentuale pari all’82,04% ottenendo la fascia di sindaco in modo diretto senza passare per il ballottaggio e ben 14 seggi in seno al Consiglio comunale formato in tutto da 16 consiglieri. Stessa cosa a San Giovanni in Fiore dove a fare la voce grossa è Giuseppe Belcastro, sostenuto dal centrosinistra che sfiora il 90% dei consensi.

9 su 10 da parte di 34 recensori Vibo Valentia, l’ex magistrato Elio Costa rieletto sindaco Vibo Valentia, l’ex magistrato Elio Costa rieletto sindaco ultima modifica: 2015-06-01T11:59:34+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento