Verona, poliziotto di 40 anni si è sparato alla testa nel seggio della elementare Giulari di Borgo Roma

Tragedia nel centro veneto. Un agente della polizia ferroviaria in servizio in un seggio elettorale a Verona si è sparato alla testa e si trova in ospedale in condizioni disperate.

L’uomo, 40 anni, era uscito nel cortile della sede elettorale, dove avrebbe avuto un litigio con la propria compagna. Poco dopo si è sparato. Il fatto è avvenuto all’esterno della scuola elementare “Giuliari”, nel quartiere di Borgo Roma.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento