Milano, festeggiamenti per i 170 anni della Fratelli Branca Distillerie

“A Milano c’è un’azienda che nell’anno di Expo festeggia 170 anni di storia. Un’azienda conosciuta in tutto il mondo, premiata dal mercato per la qualità dei prodotti e per la capacità di saper anticipare la domanda nel rispetto della tradizione. La Fratelli Branca Distillerie è un orgoglio milanese. L’azienda dopo i primi successi internazionali da Porta Nuova si è spostata in via Resegone all’inizio del ‘900 e ancora oggi qui produce. Inserita al meglio nella sua città la Branca ha saputo fare squadra con il territorio e una storia come questa non poteva non essere presente in Expo. La cosa che più mi ha colpito è la presenza in più punti, dal Parco delle Biodiversità, al Padiglione dell’Argentina, un fatto che sancisce la capacità di attrattività all’estero”.
Lo ha affermato il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia in occasione dei festeggiamenti per i 170 anni della Fratelli Branca Distillerie.
“Il forte senso di appartenenza a Milano, la Branca lo ha dimostrato attraverso la sua presenza in città con molte iniziative, tra cui l’apertura del Branca Museum tutti i giorni della settimana nei sei mesi di Expo, i diversi incontri organizzati presso la Torre Branca realizzata nel 1933 in occasione della V Triennale, diventata poi uno dei simboli della città, un luogo dove ammirare Milano da un’ulteriore prospettiva.
Questo dinamismo all’interno dell’azienda è dovuto senza dubbio a chi nel lontano 1845 diede il via a questa avventura e a chi nel corso degli anni ha saputo continuare a portare avanti il suo successo, ma anche a chi ogni giorno lavora e realizza questi prodotti che tutti conosciamo e apprezziamo, portando il nome della Branca e di Milano nel mondo”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, festeggiamenti per i 170 anni della Fratelli Branca Distillerie Milano, festeggiamenti per i 170 anni della Fratelli Branca Distillerie ultima modifica: 2015-05-27T11:50:15+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento