Sano è lucano, sulla rotta adriatica per Expo Milano 2015

E’ il titolo di un progetto formativo della Regione Basilicata realizzato in collaborazione con il Circolo Velico Lucano di Policoro, destinato agli studenti e agli insegnanti delle istituzioni scolastiche della Basilicata.

Nell’ambito di questa iniziativa, approvata con delibera dalla giunta regionale lo scorso 22 dicembre, per Expo 2015 “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” è prevista una traversata in barca a vela sulla rotta adriatica e dei gemellaggi in diversi porti per raccontare i risultati e condividere l’esperienza con le scuole di altre regioni (Puglia, Abruzzo, Marche ed Emilia Romagna) e per approfondire insieme, la cultura della dieta mediterranea e il contrasto all’obesità giovanile. Il percorso formativo da realizzare durante la navigazione, partirà dalla seconda metà di giugno dal porto di Policoro sino a quello di Venezia, facendo scalo a Brindisi, Pescara, Ancona, Pesaro, Ravenna. In ogni tappa gli studenti potranno mettere in relazione le proprie conoscenze con quelle delle regioni coinvolte.

L’iniziativa trova il sostegno del Ministero dell’Istruzione che sta invitando alla massiccia partecipazione di scuole, università e mondo della ricerca all’esposizione universale per promuovere la corretta alimentazione e per trasmettere il messaggio della sostenibilità. In questa fase si stanno coinvolgendo enti di promozione sportiva, coordinatori di educazione fisica, insegnanti e scolaresche dei vati istituti per supportare gli allievi nella ricerca del gusto e del cibo sano.

C’è ancora spazio per le adesioni per offrire le proprie conoscenze in ambito storico, culturale, ambientale e culinario contattando il Circolo velico di Policoro: evelico@alice.it, tel:0835910097.

9 su 10 da parte di 34 recensori Sano è lucano, sulla rotta adriatica per Expo Milano 2015 Sano è lucano, sulla rotta adriatica per Expo Milano 2015 ultima modifica: 2015-05-23T03:20:27+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento