Napoli, l’infermiere Giulio Murolo spara dal balcone 4 morti e 5 feriti

Follia nel quartiere Secondigliano. Giulio Murolo, 48 anni, infermiere dell’ospedale Cardarelli, incensurato, ha sparato dal balcone di un appartamento in via Napoli dopo aver compiuto una prima strage all’interno del palazzo. Il bilancio drammatico è di 4 morti e 5 feriti.

Strage

L’infermiere ha ucciso in casa con un fucile a pompa il fratello e la moglie di lui, sul pianerottolo del condominio. Ha freddato anche un vicino intervenuto, un tenente dei vigili urbani di 65 anni. Poi Murolo si è barricato in casa e ha iniziato a sparare dal balcone, contro la gente che passava. Qui purtroppo ha ucciso un ragazzo che passava con lo scooter. Sono stati colpiti due amici che camminavano insieme in strada, in maniera lieve. Poi, anche qui lievemente, un carabiniere e un poliziotto che sono accorsi sul posto sentendo gli spari. Una serie di colpi con un fucile calibro 12 che l’uomo usava per la caccia, sua grande passione, tanto che sembra che avesse in casa un vero e proprio arsenale.

Tra le persone uccise, oltre alla moglie, secondo testimonianze incrociate dei residenti, il fratello dell’uomo, la cognata ed un ufficiale della polizia municipale. Un gesto di follia

Il raptus sarebbe stato determinato da futili motivi. Secondo alcune testimonianze, lo sparatore avrebbe reagito violentemente per un filo destinato al bucato, innestato su vecchi dissapori per questioni di interesse tra Murolo e il fratello.

L’uomo ha l’hobby della caccia, e avrebbe sparato usando appunto uno dei suoi fucili, un calibro 12. Sul muro del balcone della palazzina al civico 41 di via Napoli si vedono i fori di uno, forse due proiettili.

I feriti sono stati portati al Cardarelli e al San Giovanni al Bosco.

9 su 10 da parte di 34 recensori Napoli, l’infermiere Giulio Murolo spara dal balcone 4 morti e 5 feriti Napoli, l’infermiere Giulio Murolo spara dal balcone 4 morti e 5 feriti ultima modifica: 2015-05-15T18:30:49+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento