Scossa di magnitudo 7.4 in Nepal ancora morte e distruzione, trema anche New Delhi

Lo scorso 25 aprile la capitale Kathmandu è già stata devastata da un violenta sisma. Oggi una nuova violenta scossa durata un minuto. L’epicentro è stato localizzato a 22 km a sud est di Zham in Cina e a 83 km a est della capitale nepalese, dove i residenti sono fuggiti dalle loro case terrorizzati. La scossa è stata avvertita in India fino a New Delhi.

Nel terremoto del mese scorso sono morte 8.150 persone, mentre 17.860 sono rimaste ferite.

Chiuso l’aeroporto internazionale di Kathmandu per precauzione. Altre scosse tra magnitudo 5 e 6 hanno colpito in sequenza il Nepal, circa 10 minuti dopo il primo terremoto di 7.4.

La nuova forte scossa di terremoto ha provocato diverse vittime, ha detto il portavoce dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), Paul Dillon, secondo cui alcuni corpi sono stati trovati sotto le macerie di un edificio a Kathmandu. Fonti Onu hanno riferito che a seguito del sisma sono crollati diversi palazzi.

Il terremoto di magnitudo 7.4 di oggi è legato al sisma del 25 aprile, ma è avvenuto all’estremità orientale della faglia che si era attivata allora ed è anche possibile che si sia attivata una faglia adiacente. È questo quanto emerge dalle prime analisi, ha detto il sismologo Alessandro Amato, dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia.

Lascia un commento