Firmato l’accordo di programma per il rilancio economico di Livorno

Via libera all’accordo di programma per il rilancio competitivo dell’area costiera livornese. L’ultimo atto dell’iter di intesa è stato siglato a Firenze dal presidente del consiglio Matteo Renzi insieme al presidente della Regione Enrico Rossi, al presidente della Provincia Alessandro Franchi, al sindaco di Livorno Filippo Nogarin, al sindaco di Collesalvetti Lorenzo Bacci, e al presidente dell’Autorità Portuale Giuliano Gallanti.

L’Accordo, che avrà una durata di 10 anni, prevede uno stanziamento di 732 mila euro destinati agli interventi per lo sviluppo di Livorno e della zona costiera, di cui 582 da risorse pubbliche e 150 da privati, che serviranno per la realizzazione entro 4 anni della Darsena Europa e del collegamento diretto di porto e interporto con la rete ferroviaria nazionale, oltre alla riqualificazione dell’area produttiva che si estende fino a Rosignano e Collesalveti e del relativo sviluppo occupazionale.

“Con questa firma si conclude un iter importante per la nostra città”, commenta il il sindaco Nogarin. “La dichiarazione di crisi complessa attesta un momento storico particolarmente critico e difficile per tutta l’area livornese. Questi finanziamenti possono rappresentare, dunque, un elemento importante per il rilancio del nostro territorio. Tuttavia – aggiunge – non nascondo le mie perplessità sul fatto che la tanto annunciata “pioggia di denaro” arrivi in larga misura dall’accensione di mutui che, in ultima analisi, potrebbero pesare ancora di più sulle tasche dei cittadini, in particolare su coloro che hanno perso il lavoro o lo stanno perdendo e che invece richiederebbero sostegno e prospettive di lavoro a breve termine”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Firmato l’accordo di programma per il rilancio economico di Livorno Firmato l’accordo di programma per il rilancio economico di Livorno ultima modifica: 2015-05-10T02:58:57+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento