Detroit, poliziotto uccide l’afroamericano Terrance Kellom

L’agente ha ucciso un uomo di colore di 20 anni, sospettato di rapina e armato con un martello. Sull’episodio aperta un’inchiesta ma si temono proteste in strada. Il procuratore Barbara McQuade ha assicurato che le autorità stanno monitorando la situazione: “E’ stata una tragedia”.

“L’agente si è sentito in pericolo perché il sospettato si avvicinava armato di martello”, ha spiegato il capo della polizia di Detroit, James Craig.

“Il lavoro della polizia richiede in alcuni casi l’uso della forza, ma gli agenti devono usarla solo quando è ragionevole in certe circostanze. In situazioni come questa è importate tutelare i diritti della vittima e del poliziotto. Per questo stiamo monitorando da vicino le indagini”, ha ricordato il procuratore Barbara McQuade.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento