Postepay Rock in Roma, dal 14 giugno la settima edizione

Da Lenny Kravitz a Robbie Williams, dai Verdena a J-Ax, fino al rapper italiano Fedez e alla band Muse. Questi alcuni dei protagonisti della settima edizione del festival Postepay Rock in Roma, che torna nella Capitale dal 14 giugno al 6 settembre nella grande area verde dell’Ippodromo delle Capannelle.

Un cast di artisti internazionali e nomi di eccellente livello per l’appuntamento di questa estate, presentato in Campidoglio insieme ai due fondatori dell’evento, Sergio Giuliani e Maxmiliano Bucci, dal sindaco di Roma Ignazio Marino e dall’assessora con delega ai grandi eventi Alessandra Cattoi.

“Se si guarda il programma di quest’anno si comprende come Roma stia diventando luogo di grandi eventi internazionali e questo è proprio uno degli obiettivi che la nostra amministrazione persegue: Roma sia una bandierina chiara nel nostro pianeta perché è una città che ha tanto da offrire. Per me – ha detto Marino – è davvero un grande onore partecipare all’annuncio di ‘Rock in Roma’ e sono sicuro che porterà un ulteriore contributo di internazionalità e credibilità e anche gioia e festa”.

Costruito sul concetto di “sano divertimento”, anche per questa edizione continua la collaborazione con ”Cocoon Projects”, a favore di iniziative “sociali”: dopo “#NoViolenza#Donne”,”#Giovani#LiberiDiAmare” nel 2015 l’hashtag sarà “#DiversiEInsieme”, sulla valorizzazione della diversità di genere.

Il festival, ormai uno dei principali appuntamenti estivi internazionali di musica, porta con sé anche alcune novità. Tra queste, il progetto Sali sul palco di Postepay rock in Roma, realizzato da un team di giovani ingegneri e esperti di comunicazione che, attraverso i social e il web, permetterà agli utenti – attraverso Google – di vivere in tempo reale e in
alta definizione i momenti più salienti dal palco.

Si conferma main sponsor dell’iniziativa Poste Italiane, che contribuirà anche a dare supporto alle giovani band italiane attraverso il crowdfunding. PostePay e Visa affiancheranno la kermesse romana lanciando PostePayCrowd@Music, l’iniziativa rivolta a tutti i gruppi emergenti che vogliono finanziare la loro attività artistica tramite il crowdfunding. Il progetto sarà on line dai primi di maggio fino ai primi di giugno e i primi cinque progetti che avranno dimostrato di avere un grande appeal verso la rete che li ha finanziati otterranno da Poste Italiane e Visa il cofinanziamento per l’altro 50% per un valore di 5 mila euro.

Ma non si arricchisce solo il programma del Festival, migliora anche l’organizzazione. Per portare il pubblico ai concerti, torna infatti la collaborazione con Trenitalia come annunciato dal sindaco Marino. “L’amministrazione continua il suo lavoro nella visione dell’ecosostenibilità visto che ci sarà, in accordo con Trenitalia, un treno che porterà direttamente al concerto e un treno per tornare al centro della città e chi userà il treno non dovrà fare la fila perché avrà un ingresso prioritario”. Si tratta di un servizio di treni pomeridiani e notturni che, nella tratta Ippodromo delle Capannelle/Roma centro porteranno i turisti e i romani che assisteranno ai concerti lasciando a casa la propria auto: la location del festival sarà così raggiungibile da Roma centro in 10 minuti con i treni regionali al costo del biglietto metropolitano. Così per il ritorno a fine concerto. Inoltre, grazie alla collaborazione con Eventi in Bus il pubblico del festival può utilizzare i bus-navetta che collegano l’Ippodromo con la stazione Termini.

Per tutti gli spettacoli è già possibile acquistare i biglietti su postepayrockinroma.com, oppure su postepay.it, e presso i punti vendita dei circuiti abituali: Ticketone, Box Office Lazio, Vivaticket, Bookingshow, Etes.

9 su 10 da parte di 34 recensori Postepay Rock in Roma, dal 14 giugno la settima edizione Postepay Rock in Roma, dal 14 giugno la settima edizione ultima modifica: 2015-04-15T03:29:34+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento