Colognola ai Colli, diciassettenne uccide la madre Manuela Panato e ferisce il padre Riccardo Milani

Scosso il centro di Colognola ai Colli dove si è consumato il dramma familiare di via Canesella nel cortile di casa. Il giovane Milani, 17 anni, al termine di una discussione avrebbe colpito la madre con un’accetta, uccidendola. Quindi si sarebbe avventato contro il padre ferendolo. Avrebbe poi tentato di uccidersi facendosi travolgere dal trattore che aveva messo in moto. I due feriti sono stati ricoverati all’ospedale.

Il padre, Riccardo Milani, è stato trasferito in sala operatoria in gravissime condizioni. Il fratello di 20 anni ha soccorso il genitore e lo ha accompagnato all’ospedale di San Bonifacio. Ora è sotto choc. La madre, Manuela Panato di 47 anni, era maestra all’istituto comprensivo di Colognola, il padre è un piccolo imprenditore.

La dinamica del dramma familiare, avvenuto in una casa colonica piuttosto isolata, sede dell’azienda agricola di famiglia, su un’area collinare circondata da vigneti, è al vaglio dei Carabinieri. I militari stanno passando al setaccio la casa e l’area esterna al fine di raccogliere ogni possibile particolare che permetta di ricostruire un quadro dettagliato di quanto avvenuto. Sarebbero state trovate tracce di sangue in più parti della casa. Solo dall’interrogatorio dell’aggressore o del padre, se le condizioni mediche lo renderanno possibile, secondo quanto si è appreso da fonti investigative, potranno arrivare delle indicazioni utili anche sul possibile motivo scatenante della tragedia. Non è escluso che la vicenda possa essersi sviluppata all’interno della casa e nel cortile, dove il giovane ha poi cercato di uccidersi facendosi travolgere dal trattore messo in moto.

9 su 10 da parte di 34 recensori Colognola ai Colli, diciassettenne uccide la madre Manuela Panato e ferisce il padre Riccardo Milani Colognola ai Colli, diciassettenne uccide la madre Manuela Panato e ferisce il padre Riccardo Milani ultima modifica: 2015-04-13T21:36:10+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento