Firenze, gironzolavano fra i palazzi in zona Gignoro fermati dalla Polizia Municipale

L’ha notata un agente della Polizia Municipale libero dal servizio. Si tratta di una coppia che usciva furtivamente da un palazzo per entrare in un altro. Fermati dai vigili, sono stati trovati in possesso di due cacciaviti e di alcuni monili d’oro.
È successo ieri pomeriggio, intorno alle 17.30. L’agente era in via del Gignoro quando ha visto una coppia, formata da una giovane e di un ragazzo, uscire con fare furtivo da un palazzo per poi entrare subito in un altro. Il vigile ha continuato a seguirli, chiedendo rinforzi ai colleghi del reparto sicurezza urbana. Gli agenti, dopo aver verificato che le porte dei vari appartamenti non riportassero segni di scasso o tentativi di apertura, hanno fermato i due giovani. Questi, entrambi privi di documenti, sono stati accompagnati presso il comando di Porta al Prato. Dai controlli è emerso che si trattava di N.C., 15 anni, e per V.P., nata in Croazia ma di età non accertata. Il ragazzo è risultato in possesso di due grossi cacciaviti di 32 e 26 centimetri, la giovane invece nascondeva un sacchettino contenente alcuni gioielli d’oro che sono stati sequestrati dagli agenti.
Da successivi accertamenti è risultato che la giovane era già nota alle forze dell’ordine e che a suo carico pendeva anche un provvedimento emesso dalla Procura della Repubblica di Bologna presso il Tribunale per i minorenni con conseguente ordine di carcerazione. Sia il ragazzo che la giovane sono stati denunciati a piede libero per il possesso dei cacciaviti e per il reato di ricettazione. V.P. è stata accompagnata dagli agenti presso l’Istituto Penale Minorile di Pontremoli.

9 su 10 da parte di 34 recensori Firenze, gironzolavano fra i palazzi in zona Gignoro fermati dalla Polizia Municipale Firenze, gironzolavano fra i palazzi in zona Gignoro fermati dalla Polizia Municipale ultima modifica: 2015-03-31T20:46:45+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento