Milano, 15 mila euro per i premi di laurea Giorgio Ambrosoli

Giorgio AmbrosoliOltre 15 mila euro sono stati stanziati dal Comune di Milano per i premi di laurea in memoria dell’avvocato Giorgio Ambrosoli. I riconoscimenti sono destinati a giovani laureati o ricercatori nelle università italiane che abbiano approfondito il tema, sempre più vitale per una Nazione libera e democratica, dell’etica applicata all’attività economica, con particolare attenzione verso alcuni aspetti: i fenomeni di corruzione che inquinano la vita economica nella sfera pubblica e privata; il rapporto tra economia legale ed economia criminale anche di stampo mafioso; i rimedi per contrastare comportamenti criminosi, illegali e contrari all’etica.

I tre premi hanno un valore di 5.163 euro ciascuno (al lordo delle ritenute di legge). Per partecipare, i candidati devono aver discusso la tesi di laurea o di dottorato tra il 1° marzo 2014 e il 28 febbraio 2015. Le domande – corredate da una copia della tesi esclusivamente in formato digitale (se in lingua straniera con traduzione in lingua italiana) su supporto informatico e sommario di 100 righe – devono pervenire entro il 30 giugno 2015 al Comune di Milano, Gabinetto del Sindaco – Servizio Affari legali, Nomine e Incarichi – piazza della Scala 2, 20121 Milano. Le tesi saranno esaminate da una giuria appositamente nominata, e la premiazione dei vincitori avverrà con una cerimonia pubblica a Palazzo Marino.

Copia integrale del bando è pubblicata sull’Albo pretorio on line del Comune di Milano, sul sito comune.milano.it (Servizi on line – Area Bandi). Il bando è disponibile inoltre presso il Servizio Affari legali, Nomine e Incarichi del Gabinetto del Sindaco in piazza della Scala 2, o presso la sede dell’Urban Center in Galleria Vittorio Emanuele.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, 15 mila euro per i premi di laurea Giorgio Ambrosoli Milano, 15 mila euro per i premi di laurea Giorgio Ambrosoli ultima modifica: 2015-03-30T14:47:10+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento