Parmigiano-Reggiano, il Consiglio approva odg anti-contraffazioni

Il Consiglio provinciale ha approvato oggi pomeriggio all’unanimità un ordine del giorno presentato dal gruppo Terre reggiane – illustrato in aula dal capogruppo Giuseppe Pagliani ed emendato dal consigliere delegato all’Agricoltura Alessio Mammi – sul fenomeno delle tante imitazioni di Parmigiano-Reggiano confezionate all’estero “che invadono da anni i mercati internazionali superando, in quantità, la produzione dell’originale con un  giro d’affari che sta erodendo quote di export a due nostri prodotti di punta come il Parmigiano-Reggiano e il Grana Padano”.

Il documento impegna la Provincia di Reggio Emilia  a richiedere “al Governo Italiano di inserire, nell’ambito dei negoziati per un accordo Ue-Usa riguardanti il partenariato transatlantico su commercio e investimenti, clausole precise volte a perseguire efficacemente la contraffazione, in particolare quella dei prodotti alimentare, anche attraverso misure di protezione che impediscano – ad esempio nel settore alimentare – ad un casaro americano di fregiare i loro formaggi con denominazioni che richiamano in maniera sfacciata il formaggio di casa nostra; al Ministro delle Politiche agricole di ricorrere in modo sistematico a livello europeo – non appena vi siano le condizioni – al meccanismo di tutela ex officio delle produzioni agroalimentari di qualità di denominazione di origine protetta e indicazione geografica protetta; alle competenti autorità d’implementare l’attività di lotta alla contraffazione sul web dei prodotti italiani, a partire dal Parmigiano Reggiano e dal Grana Padano, anche attraverso     l’auspicabile collaborazione di alcuni grandi player dell’e-commerce; al Consorzio di tutela di potenziare le attività di controllo, in Italia e all’estero, per contrastare ogni forma di contraffazione, garantendo l’eccellenza e la qualità del prodotto e la sicurezza dei consumatori”.

Nel corso del dibattito, lo stesso consigliere delegato Alessio Mammi ha espresso il proprio compiacimento per l’operazione del Nucleo antifrode dei carabinieri che l’altro giorno hanno perquisito una quindicina tra caseifici e magazzini a caccia di Parmigiano-Reggiano contraffatto. “Le attività di verifica sul rispetto da parte dei produttori  dell’intero percorso di qualità che contraddistingue il re dei formaggi sono fondamentali per tutelare questo vero e proprio gioiello agroalimentare del Made in Italy che rappresenta in tutto il mondo non solo una nostra tradizione, ma un’eccellenza in termini di qualità e sicurezza alimentare – ha tra l’altro detto Mammi –  Purtroppo, come la cronaca di questi giorni conferma, non solo all’estero non si rispettano le regole del gioco: ben vengano, dunque, i controlli di carabinieri e magistratura a difesa non solo della qualità del Parmigiano-Reggiano, ma anche dei tanti produttori che, con grande fatica specie in questo periodo di crisi, si impegnano per creare ogni giorno un prodotto di eccellenza. Per contrastare le imitazioni, bisognerà comunque anche migliorare la commercializzazione del nostro prodotto, essere più presenti sui mercati esteri per far conoscere a apprezzare la qualità di un formaggio che davvero non può essere imitato”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Parmigiano-Reggiano, il Consiglio approva odg anti-contraffazioni Parmigiano-Reggiano, il Consiglio approva odg anti-contraffazioni ultima modifica: 2015-03-26T17:18:14+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento