Aosta, servizio di sms per la chiamata di emergenza riservato agli utenti con difficoltà di parola e udito

La Presidenza della Regione informa che la CUS – Centrale Unica del Soccorso della Valle d’Aosta ha attivato un servizio di SMS per permettere agli utenti con difficoltà di parola e/o di udito di chiamare i numeri dell’emergenza.

Attraverso l’invio di un SMS da telefono cellulare, l’utente potrà contattare direttamente gli operatori della Centrale unica (Protezione civile, Soccorso sanitario 118, Soccorso Alpino, Corpo Forestale, Vigili del Fuoco).

L’operatore che riceve il messaggio, sarà quindi in grado di avviare un dialogo via SMS con la persona che richiede il soccorso. L’operatore della Centrale unica risponderà facendo alcune domande utili ad organizzare la risposta all’emergenza in maniera adeguata e appropriata. È fondamentale mantenere la calma e rispondere con estrema precisione e in maniera concisa a queste domande.

Attraverso la collaborazione dell’ENS – Ente Nazionale Sordi, il programma gestionale della Centrale Unica contiene i dati anagrafici di buona parte degli utenti audiolesi residenti in Valle d’Aosta. Ciò permette agli operatori di identificare più facilmente l’utente che sta inviando la richiesta di soccorso e di conoscerne l’indirizzo.

I numeri per l’invio dell’SMS, tramite telefono cellulare o altri telefoni con possibilità di digitare caratteri alfabetici, sono:

Soccorso Sanitario 118: 3399909018

Vigili del Fuoco 115: 3399909023

Protezione Civile: 3399909021

Corpo Forestale della Valle d’Aosta: 3399909019

Soccorso Alpino Valdostano: 3399909022

Il servizio è attivo 24 ore su 24, tutti i giorni.

I messaggi sono registrati.

9 su 10 da parte di 34 recensori Aosta, servizio di sms per la chiamata di emergenza riservato agli utenti con difficoltà di parola e udito Aosta, servizio di sms per la chiamata di emergenza riservato agli utenti con difficoltà di parola e udito ultima modifica: 2015-03-05T12:34:45+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento