Il Treno Verde arriva a Pescara

Farà da tappa giovedì 5 e venerdì 6 marzo al binario 1 della stazione centrale di Pescara il Treno Verde, la storica campagna nazionale di Legambiente e Gruppo Ferrovie dello Stato che quest’anno cambia “declinazione” per dar vita ad un viaggio speciale dedicato all’agricoltura e all’alimentazione in vista di Expo Milano 2015. Motto di questa edizione sarà “Tornare alla terra per seminare futuro” per sottolineare l’importante ruolo che l’agricoltura di qualità e delle buone pratiche ambientali e sociali ha e potrà avere anche di fronte alle sfide future.

L’Abruzzo – come è stato spiegato questa mattina nel corso della conferenza stampa organizzata nella sede dell’assessorato all’Agricoltura, a Pescara, – sarà la terza regione toccata dal tour – realizzato anche grazie al patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole, Ambientali e Forestali e il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare – che fino all’11 aprile vedrà il convoglio ambientalistain giro per l’Italia: 15 tappe per far conoscere e riscoprire la bellezza e l’eccellenza dei territori, ma soprattutto per raccontare le migliori esperienze dell’agricoltura italiana di qualità in viaggio verso Expo Milano 2015, l’esposizione universale su alimentazione e nutrizione in programma dal primo maggio nel capoluogo lombardo.

Hanno preso parte alla conferenza stampa il Presidente di Legambiente Abruzzo, Giuseppe Di Marco, il Responsabile nazionale politiche sociali del Gruppo Fs Italiane, Fabrizio Torella, l’Assessore regionale all’Agricoltura Dino Pepe e l’assessore regionale Ambiente, Mario Mazzocca.

A Pescara il convoglio ambientalista sarà aperto al pubblico giovedì 5 marzo e venerdì 6 marzo dalle 8,30 alle 13 per le classi scolastiche prenotate e dalle 16 alle 19 per il pubblico. Durante la due giorni saranno presenti, nella sala espositiva di Rfi, numerose aziende locali con i loro prodotti. Previsti anche laboratori in stazione sui cereali, miele, biscotti e lana.

“Il messaggio che quest’anno vogliamo lanciare – ha detto Di Marco nel corso della conferenza stampa – è quello dell’importanza dell’Agricoltura, del suo valore e della sua tutela. Il Treno con i suoi vagoni sottolinea questa necessità. Siamo orgogliosi della sinergia con i tre assessorati nell’organizzazione di questa tappa”.

“Il Treno è un mezzo per sua natura verde – ha sottolineato Torella – e Fsi si è impegnata molto per l’Ambiente anche sul fronte del recupero delle stazioni in disuso. Legambiente Abruzzo con la sede nella stazione Centrale di Pescara grazie al progetto Green Station, ne è dimostrazione”.

Gli assessori Pepe e Mazzocca, infine, hanno ribadito, tra le altre cose, l’impegno regionale verso l’Agricoltura con le opportunità offerte dal Psr per i giovani agricoltori.

L’inaugurazione della tappa pugliese del Treno Verde – che si avvale del patrocinio del Consiglio Regionale d’Abruzzo, delle quattro Province abruzzesi e del Comune di Pescara – è in programma giovedì alle 10 alla presenza degli Ambasciatori del Territorio abruzzesi, grande novità di questa edizione 2015 promossa da Legambiente e Alce Nero che avrà per protagonisti quegli agricoltori italiani e quelle realtà agricole che producono nel rispetto del patrimonio ambientale, sociale e culturale dei loro territori. Esperienze che rappresentano un possibile modello di economia sostenibile per i territori ed esempi di un movimento molto più grande, ma poco visibile di giovani e vecchi agricoltori che hanno superato il modello impoverente dell’agricoltura industriale intensiva.

Seguirà, nella Sala Conferenze di RFI, un dibattito dal titolo: “La terra che vogliamo” con la partecipazione di Giuseppe Di Marco, presidente Legambiente Abruzzo; Beppe Croce, responsabile nazionale di Legambiente Agricoltura; Cesare Spedicato, direttore regionale Trenitalia Abruzzo; Marco Alessandrini, sindaco di Pescara; i presidenti delle quattro province abruzzesi: Antonio Di Marco (Pescara);Antonio Del Corvo (L’Aquila), Renzo Di Sabatino (Teramo); Mario Pupillo (Chieti). Saranno presenti gli Assessori regionali Mario Mazzocca (Ambiente) e Dino Pepe (Agricoltura). Ci sarà anche il dirigente scolastico dell’Istituto Tecnico Agrario “Paolo Cuppari” di Alanno, Maria Teresa Marsili; dell’Istituto Tecnico Agrario “Cosimo Ridolfi” di Scerni, Livio Tosone; il preside della Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agroalimentari e Ambientali dell’Università degli Studi di Teramo, Dario Compagnone; i rappresentanti regionali delle associazioni di categoria: Cia, Coldiretti, Copagri e Confagricoltura e il rappresentante regionale di Demeter, associazione di produttori, trasformatori e distributori di prodotti agricoli e alimentari biodinamici, Francesco Zappacosta. Presente, anche, la rappresentante di Donne in Campo, Domenica Trovarelli.

Quest’anno il Treno Verde ha fatto un restyling delle sue quattro carrozze, che ospiteranno una mostra didattica dedicata all’agricoltura e all’alimentazione. La prima carrozza è dedicata al tema “Agricoltura o Agricolture? Dove viene il cibo” e sarà un viaggio alla scoperta della terra a partire dalla difesa e tutela del suolo fino alla mitigazione dei mutamenti climatici e alla riduzione dei consumi. Ci sarà, inoltre, un percorso interattivo per scoprire da dove nasce il cibo. Tema della seconda carrozza sarà invece “La terra e il territorio. Chi produce il cibo?”: si parlerà di buone pratiche, di green economy, si incontreranno gli Ambasciatori del Territorio e qui si potrà sottoscrivere il Manifesto della Nuova Agricoltura. La terza carrozza sarà dedicata a “Chi Mangia? Cosa mangia?” e tra i temi si discuterà di: etichettatura, corretta e sana alimentazione, stagionalità alla dieta mediterranea, spesa sostenibile. Inoltre, all’interno della mostra di Ecolife – progetto sugli stili di vita consapevoli cofinanziato dalla Commissione Europea – si potrà avere immediata percezione dei cambiamenti climatici attraverso le immagini di COSMO-SkyMed, il sistema satellitare dell’ASI (Agenzia Spaziale Italiana) unico al mondo. Infine a bordo dellaquarta carrozza si parlerà di “agricoltura e sociale”, di orti in città e delle esperienze di Libera Terra e delle altre associazioni e cooperative che ogni giorno lavorano per garantire un’agricoltura sostenibile e una sana alimentazione.

Infine la cucina viaggiante, altra novità di questa edizione 2015, allestita a bordo della terza carrozza permetterà ai ragazzi degli Istituti agrari e alberghieri di sfidarsi ai fornelli con ricette biologiche, a kilometro zero, sostenibili e senza sprechi. Una sfida che Legambiente rivolgerà anche al popolo social con #tipicongusto: chi è interessato e vuole partecipare dovrà scattare una foto con il piatto o il prodotto agroalimentare che vorrebbe portare nel futuro e postarla poi sui proprio profili social con l’hashtag #tipicongusto.

Il programma completo della tappa a Pescara del Treno Verde 2015

BINARIO I STAZIONE CENTRALE

Giovedì 5 marzo
8,30 – 13,00 visita delle classi scolastiche prenotate

Ore 10 – Inaugurazione del Treno Verde con rappresentanti delle istituzioni, delle associazioni di categoria, del mondo scolastico e degli Ambasciatori del Territorio abruzzesi alla presenza di Davide Sabbadin, portavoce del Treno Verde e Giuseppe Di Marco, presidente Legambiente Abruzzo.

A seguire, nella Sala Conferenze di RFI, dibattito dal titolo: “La terra che vogliamo” con la partecipazione di Giuseppe Di Marco, presidente Legambiente Abruzzo; Beppe Croce, responsabile nazionale di Legambiente Agricoltura; Cesare Spedicato, direttore regionale Trenitalia Abruzzo; Marco Alessandrini, sindaco di Pescara; i presidenti delle quattro province abruzzesi: Antonio Di Marco (Pescara); Antonio Del Corvo (L’Aquila), Renzo Di Sabatino (Teramo); Mario Pupillo (Chieti). Saranno presenti gli Assessori regionali Mario Mazzocca (Ambiente) e Dino Pepe (Agricoltura). Ci sarà anche il dirigente scolastico dell’Istituto Tecnico Agrario “Paolo Cuppari” di Alanno, Maria Teresa Marsili; dell’Istituto Tecnico Agrario “Cosimo Ridolfi” di Scerni, Livio Tosone; il preside della Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agroalimentari e Ambientali dell’Università degli Studi di Teramo, Dario Compagnone; i rappresentanti regionali delle associazioni di categoria: Cia, Coldiretti, Copagri e Confagricoltura e il rappresentante regionale di Demeter, associazione di produttori, trasformatori e distributori di prodotti agricoli e alimentari biodinamici, Francesco Zappacosta. Presente, anche, la rappresentante di Donne in Campo, Domenica Trovarelli.

Ore 15  – Seminario formativo con gli studenti degli Istituti Agrari da parte dell’INEA sul nuovo PSR.

Ore 16 – 19 apertura al pubblico

Venerdì 6 marzo
8,30 – 13 classi in visita al treno

Ore 16 – 19 apertura al pubblico

Ore 15 – Focus su “L’Abruzzo terra dei parchi”, con la partecipazione dei Presidenti dei Parchi nazionali e regionali della Regione Abruzzo, del commissario del nascente Parco della Costa Teatina, dei rappresentanti della Fondazione FS Italiane, che cura l’esercizio turistico della “Ferrovia del Parco” la transiberiana d’Italia che va da Sulmona a Carpinone; dell’Assessore all’Ambiente della Regione Abruzzo, Mario Mazzocca e il vice presidente della Regione, Giovanni Lolli.

A seguire show cooking con il coinvolgimento degli Istituti alberghieri abruzzesi (Ipsar-De Cecco di Pescara e l’Istituto Alberghiero “Villa Santa Maria” di Chieti ) e l’Associazione Donne in Campo.

Nei due giorni di sosta del Treno Verde si terranno laboratori didattici su biodiversità e api a cura di Conapi.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento