Frane e neve, altri disagi sulle Provinciali a Villa, Baiso, Roteglia e Castelnovo Monti

Il maltempo dei giorni scorsi continua a provocare disagi alla circolazione un po’ in tutta la montagna. Oggi la Provincia di Reggio Emilia è stata costretta a emettere altre 4 ordinanze di limitazione del traffico, tutte conseguenti alle conseguenze delle nevicate e delle piogge di febbraio che hanno attivato frane o danneggiato la vegetazione.

Sulla Sp 61 per Ponte Dolo, in prossimità dell’incrocio con la Sp 9  in comune di Villa Minozzo, una frana di valle ha causato il crollo della banchina stradale. Al fine di rendere sicura la circolazione dei veicoli, è stato quindi istituito un senso unico alternato a vista, con l’introduzione del limite di velocità a 30 km/h.

Solo limite di velocità a 30 km/h invece su tutto il tratto della Sp 107 in comune di Baiso (dall’incrocio con la Sp 7 in centro all’incrocio con la Sp 98 Fondovalle del Tresinaro) e per un tratto di circa 4 chilometri della Sp 27 in prossimità del centro di Baiso fino all’inizio del centro abitato diRoteglia di Castellarano. In entrambi i casi il fondo stradale si presenta infatti dissestato a causa della riattivazione di vari fronti di frana .

A Castelnovo Monti, infine, da giovedì 5 marzo senso unico alternato regolato da movieri e limite di velocità a 30 km/h per i primi 400 metri della Sp 26 per la Pietra di Bismantova, al fine di consentire la rimozione dei nidi di processionaria e il taglio di piante, poste su lato destro di fronte all’accesso del cimitero, piegatesi pericolosamente verso la sede stradale a causa delle nevicate di febbraio.

Tutti i provvedimenti rimarranno in vigore fino al termine dei lavori.

9 su 10 da parte di 34 recensori Frane e neve, altri disagi sulle Provinciali a Villa, Baiso, Roteglia e Castelnovo Monti Frane e neve, altri disagi sulle Provinciali a Villa, Baiso, Roteglia e Castelnovo Monti ultima modifica: 2015-03-03T13:01:32+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento