A casa di Lucio Dalla, tre giornate di incontri, performance varie e ospiti a sorpresa

E’ l’iniziativa promossa dalla Fondazione Lucio Dalla, con il Patrocinio del Ministero dei Beni delle Attività Culturali e del Turismo e del Comune di Bologna, in occasione del terzo anniversario della scomparsa del cantautore.

Dal 2 al 4 marzo un calendario di visite guidate molto speciali attenderà i fortunati visitatori che in queste ore sono riusciti a prenotare il biglietto per accedere all’interno della casa di via D’Azeglio (il tutto esaurito è stato registrato a sole 3 ore dall’apertura delle prenotazioni) e partecipare così a questo suggestivo viaggio nel mondo di Lucio, fatto di racconti dal vivo, proiezioni di materiali video inediti, ascolti di storiche e rarissime interviste radiofoniche che verranno riproposte in contemporanea negli spazi dell’appartamento e accompagnate dagli interventi di molti importanti artisti e personaggi della cultura che si presenteranno a sorpresa.

Lucio Dalla foto casa

Tra gli ospiti anche il Ministro Dario Franceschini che interverrà nel giorno di apertura, il 2 marzo e poi molte presenze importanti, tra le quali ricordiamo Renzo Arbore, Ornella Vanoni, Samuele Bersani, Caterina Caselli, Gianni Morandi, Vincenzo Mollica, Ivano Dionigi, Paolo Fresu, Gaetano Curreri e gli Stadio, Noemi, Piero Odorici e Walter Veltroni.

Ma anche chi non è riuscito a procurarsi il biglietto potrà ricordare Lucio Dalla: in Piazza dei Celestini si potranno ascoltare i giovani artisti delle scuole di musica cittadine che si esibiranno al pianoforte, allestito per l’occasione, che resterà  poi a disposizione di tutti coloro che vorranno suonare i grandi successi del cantautore bolognese.

Webnotte, il programma televisivo di Gino Castaldo e Ernesto Assante, trasmesso da Repubblica.it, andrà in onda in diretta dalla casa di Lucio, in due puntate speciali il 3 e il 4 marzo alle 21. Collegamenti e interviste in diretta anche su Radio 2 Rai.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento