Il drago di carta, ultima lettura scenica all’Argentina

Ultimo appuntamento, lunedì 23 alle 21 al Teatro Argentina, con Scritture del presente, il progetto curato da Piero Maccarinelli che propone una perlustrazione nella drammaturgia contemporanea.
A Michele Placido, Gigi Angelillo e Francesco Bonomo è affidata la lettura scenica del testo Il drago di carta di Sergio Pierattini. Una vicenda politica ambientata a New York dove si svolge l’ultimo incontro fra Michele Sindona ed Enrico Cuccia alla presenza di un giovane avvocato di Sindona.

Aprile 1979, solo tre mesi prima dell’omicidio di Giorgio Ambrosoli, avvenuto a Milano l’11 luglio, per il quale Sindona verrà riconosciuto come mandante e condannato all’ergastolo. In un edificio abbandonato Sindona incontra quello che ritiene essere il suo nemico di sempre, Enrico Cuccia, l’uomo di Mediobanca che ora, però, potrebbe salvare il suo impero. Durante il colloquio Sindona alterna momenti di accondiscendenza ad esplicite minacce sia nei confronti di Ambrosoli che dello stesso Cuccia. Cuccia, da parte sua, si trova a non poter apertamente negare il suo aiuto, per le minacce rivolte ai suoi figli dai complici di Sindona, ma allo stesso tempo non può avvallare un’operazione dai contorni economici e politici così ambigui.

Scritture del presente è un progetto del Teatro di Roma in collaborazione con Artisti Riuniti

Lunedi 23 febbraio alle 21
Teatro Argentina
ingresso libero.

9 su 10 da parte di 34 recensori Il drago di carta, ultima lettura scenica all’Argentina Il drago di carta, ultima lettura scenica all’Argentina ultima modifica: 2015-02-22T03:10:46+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento