Milano, torna a vivere il Parco canile comunale a 3 mesi dall’alluvione del Lambro

A tre mesi dall’alluvione del 15 novembre scorso, il Parco canile comunale torna a vivere. Sono rientrati i 110 cani ospitati, per i gatti si dovrà attendere ancora qualche giorno per fare in modo che i loro locali siano riscaldati a dovere. L’assessora Chiara Bisconti, con delega alle Politiche animali, si è recata oggi nella struttura insieme al Garante per gli Animali Valerio Pocar per verificare di persona la situazione.

“Vedere la rinascita del canile a soli tre mesi dall’alluvione, così come avevamo promesso – ha dichiarato Chiara Bisconti – è una gioia immensa. Il mio grazie va a tutti coloro che ci hanno aiutato in queste settimane: i volontari, che hanno svolto un lavoro meraviglioso con grandi sacrifici personali, gli Uffici Tecnici del Comune, che hanno lavorato con grandissima efficacia, il Comune di Monza che ci ha aiutato a superare le giornate più difficili. Grazie all’associazione Arcadia – Dog evolution e a tutte le altre che ci hanno dato una mano in mille modi diversi. E grazie di cuore ai tantissimi cittadini che ci hanno dato una mano con le loro adozioni, con il loro affetto. È la prova, ennesima, che Milano ha una straordinaria capacità nel rispondere a situazioni di emergenza. L’affetto con cui è stato circondato il canile è stato, ed è, straordinario. Oggi la struttura è ancora più bella, abbiamo già apportato diverse migliorie, come per esempio una nuova casetta per i volontari. Abbiamo ampliato le parti all’aperto per i cani.  Vorremo sempre vederle vuote, quelle gabbie, perché significherebbe che gli animali hanno trovato un padrone. Ma oggi c’è la soddisfazione di aver portato a termine un lavoro in tempi brevissimi a dispetto di quanti continuano a sollevare inutili polemiche e critiche sterili”.

“Sono particolarmente soddisfatto – commenta il Garante degli animali Valerio Pocar – per l’impegno dimostrato dall’Amministrazione e per come si sia subito intervenuti per migliorare la struttura, per esempio installando pannelli solari per la produzione di acqua calda. Ora il Parco canile è inserito nell’elenco delle ‘strutture sensibili’ della Protezione civile, quindi siamo anche più tranquilli per immediati soccorsi in caso di emergenze. A tutti i milanesi voglio dire di tornare a trovarci e a chi ancora non ci è stato di venire a vedere il canile e il gattile e di adottare gli animali che vengono assistiti con tanto amore e professionalità”.

Oltre al nuovo impianto per l’acqua calda, i lavori hanno riguardato il ripristino integrale dei locali per i volontari e per gli animali, gli impianti elettrici, i sistemi di allarme e vigilanza, i depositi di stoccaggio per il cibo, la costruzione di tre nuovi prefabbricati, il ripristino delle recinzioni per gli educatori cinofili e delle aree aperte.

Intanto, grazie alla campagna ‘Alimenta l’amore’ promossa dall’Amministrazione e da Coop, sono stati già raccolti da novembre ad oggi 15 mila pasti destinati a persone e famiglie indigenti proprietarie di animali. Il progetto prevede che si possano regalare cibi per cani e gatti che il Comune rende disponibile a diverse associazioni e che vengono poi distribuiti a chi ne faccia richiesta.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, torna a vivere il Parco canile comunale a 3 mesi dall’alluvione del Lambro Milano, torna a vivere il Parco canile comunale a 3 mesi dall’alluvione del Lambro ultima modifica: 2015-02-19T02:10:05+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento