Matera si muove su Capitale europea della Cultura

“Le parole del Presidente della fondazione Zetema De Ruggieri sul futuro della città di Matera,pongono al centro del dibattito,ormai non più procrastinabile,la necessita di garantire- dopo anni di promesse inutili-un ruolo centrale di Matera e soddisfare la forte domanda infrastrutturale cui la nostra città ha bisogno. Matera si muove – si legge in una nota a firma del responsabile Massimiliano Amenta – condivide a pieno quanto discusso e rilancia con forza la sua battaglia rispetto al collegamento di matera al resto dell’Europa. E’ giunto il momento che Potenza regione capoluogo investa di più su Matera capitale anzichè tamponare i debiti della sua città!

Matera capitale è un progetto che deve guardare oltre il 2019 affinchè la città diventi attrattore di investimenti e non si limiti a semplici convegni culturali. Dobbiamo andare oltre e osare di più! Ecco perchè questa volta la regione è obbligata ad indirizzare gran parte della nuova programmazione europea 2014-2020 nella città dei sassi , affrontando in primis il problema infrastrutturale, il grande e annoso disagio che limita fortemente gli investimenti sulla nostra città.E’ tempo che la questione ferrovia ,collegamento con il porto di Taranto e l’aeroporto Barese siano affrontati.

L’imminente programmazione dei fondi comunitari per quel che concerne le ferrovie deve essere destinata interamente sul collegamento ferroviario di Matera con l’asse adriatico.Ci saranno 200 milioni da investire, per legittima e doverosa compensazione ,rispetto alla precedente destinazione 2007 2013,quando la Regione invece destinò interamente sulla linea Potenza Melfi.

La Regione adesso deve darci queste risorse,la capitale questa volta siamo noi!”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Matera si muove su Capitale europea della Cultura Matera si muove su Capitale europea della Cultura ultima modifica: 2015-02-19T02:09:00+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento