Pisa, controlli a tappeto a Putignano e in zona stazione

Nel pomeriggio di ieri servizio straordinario di controllo del territorio: le pattuglie della Polizia sono state dislocate nella zona di Putignano per contrastare il fenomeno relativo alla presenza di nomadi molesti dediti a reati predatori, nonché in centro e in zona stazione, al fine di identificare e allontanare persone pericolose o sospette.

Verso le ore 15, un equipaggio della Polizia impiegato in zona stazione, ha proceduto all’accompagnamento in Questura di 2 cittadini tunisini ai quali è stato notificato l’ ordine del Questore di lasciare il Territorio. Alle ore 17, a seguito a segnalazione della Sala Operativa in merito ad alcuni cittadini nord africani in lite tra loro, si procedeva, dopo un breve inseguimento in zona stazione, ad accompagnamento in ufficio di 5 extracomunitari. Gli stessi, dopo essere stati foto segnalati, sono stati a vario titolo trattati dagli uffici competenti per incombenze di rito nonché per l’adozione dei provvedimenti conseguenti.

Nel corso del servizio: 15 autovetture sono state sottoposte a controllo di polizia, 25 cittadini, di cui 15 extracomunitari, sono stati identificati. Di questi, 18 risultavano sono risultati avere precedenti in banca dati delle Forze di Polizia.

A seguito dell’attività: 7 cittadini extracomunitari venivano accompagnati in Questura per identificazione e sono stati sottoposti al foto segnalamento; 2 provvedimenti espulsivi con relativi Ordini del Questore di lasciare il Territorio sono stati  emessi e contestualmente notificati. Un cittadino extracomunitario è stato segnalato, in quanto in possesso di 0.9 gr. di eroina. Un cittadino extracomunitario è stato denunciato perché inottemperante al divieto di ritorno nel comune di Pisa.

9 su 10 da parte di 34 recensori Pisa, controlli a tappeto a Putignano e in zona stazione Pisa, controlli a tappeto a Putignano e in zona stazione ultima modifica: 2015-02-04T13:17:52+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento