Bologna, mafia indagato l’ex calciatore Vincenzo Iaquinta

La sua abitazione è stata perquisita nell’ambito di un’indagine della Dda di Bologna contro l’ndrangheta. Vincenzo Iaquinta risulta indagato per due pistole trovate in una cassaforte a casa del padre Giuseppe.

Le armi sarebbero regolarmente detenute dall’ex calciatore, ma il padre, in seguito ad un divieto, non poteva averle in casa, motivo per cui il figlio risponde, in concorso con lui, di detenzione abusiva di armi e munizioni.

Lascia un commento