Roma, baby gang rapina mini market al civico 100 di via Cipro

Cinque ragazzini hanno rubato all’interno di un negozio di alimentari all’Aurelio colpendo il proprietario che cercava di fermarli. Quattro persone sono finite in manette mentre il quinto, minorenne, è stato denunciato. Il proprietario nel negozio, si è messo al centro della strada e così ha attirato l’attenzione di una pattuglia della Polizia in transito su via Cipro per il controllo del territorio. Gli agenti hanno ascoltato l’uomo. Ha raccontato poi di averli visti fuggire in direzione di via degli Ammiragli.

I poliziotti, acquisita anche la descrizione dei giovani, hanno iniziato una battuta. Pochi metri e li hanno intercettati. I ladruncoli, alla vista della Polizia, hanno tentato di scappare ma sono stati subito bloccati. Gli agenti del Commissariato Borgo, con l’ausilio di una pattuglia del Commissariato Aurelio, hanno proceduto così all’identificazione dei giovani uno dei quali ancora minorenne ma con precedenti di Polizia. Indosso nascondevano ancora la merce rubata, bottiglie di birra, vino e frutta, che è stata restituita al legittimo proprietario. Grazie anche alle immagini registrate dal sistema di videosorveglianza, gli agenti hanno potuto ricostruire la dinamica della rapina e riconoscerne gli autori. Accompagnati negli uffici del Commissariato Aurelio, sono stati identificati in una italiana e gli altri romeni, tutti di età compresa tra i 18 e 19 anni che dovranno rispondere di rapina in concorso.

Denunciato il quinto giovane, che, ancora minorenne, è risultato avere precedenti di Polizia. Indosso a quest’ultimo i poliziotti hanno sequestrato un contenitore di plastica contenente liquido, presumibilmente acido, di cui non ha saputo giustificare il possesso.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma, baby gang rapina mini market al civico 100 di via Cipro Roma, baby gang rapina mini market al civico 100 di via Cipro ultima modifica: 2015-01-18T03:16:09+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento