Dichiarazione del Presidente Pittella su dimissioni Napolitano

Con il garbo personale e lo stile istituzionale che ha contrassegnato il mandato ricoperto in questi ultimi nove anni, Giorgio Napolitano ha improntato anche le sue dimissioni da Presidente della Repubblica a sobrietà, rigore, senso dello Stato. E nel mentre faccio mia questa sua lezione di vita, al pari dei tanti che in queste ore, a partire da Matteo Renzi, a lui guardano con rispetto e ammirazione, ritengo doveroso ringraziarlo, sia a titolo personale che per il ruolo che rivesto, per il lavoro fatto in uno dei frangenti più difficili della nostra storia democratica.

La saggezza con la quale Giorgio Napolitano ha saputo garantire l’unità nazionale, nel pieno rispetto dei valori dettati dalla nostra Carta Costituzionale, ha contribuito a rafforzare, anche sul piano internazionale, la credibilità e il prestigio del nostro Paese, come dimostrano i riconoscimenti tributatigli da molte delle più alte cariche istituzionali del pianeta.

Napolitano ci ha reso fieri di essere italiani. E noi lucani, in particolare, gli dobbiamo tantissimo perché anche da Capo dello Stato lo abbiamo sempre sentito vicino alla nostra regione, in forza di quei sentimenti di stima ed affetto, oltre che di comunanza politica, che sin dagli anni del dopoguerra hanno legato Giorgio Napolitano a molti degli uomini che in Basilicata si sono battuti per la democrazia, il lavoro e l’equità sociale.

Sono certo che anche da Presidente emerito egli non ci farà mancare il proprio incoraggiamento a proseguire sulla via delle riforme tracciate dal Governo nazionale, guardando all’Europa come la casa comune di tutti gli italiani, con quello spirito unitario e costruttivo che sono propri di una classe dirigente matura, impegnata a perseguire il bene comune.

9 su 10 da parte di 34 recensori Dichiarazione del Presidente Pittella su dimissioni Napolitano Dichiarazione del Presidente Pittella su dimissioni Napolitano ultima modifica: 2015-01-15T08:00:29+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento