Charlie Hebdo, incerto il numero degli ostaggi nell’azienda di Dammartin

Secondo Bernard Corneille, sindaco di Othis, un comune limitrofo, gli ostaggi potrebbero essere cinque. Almeno in base al numero delle persone che vi lavorano, compreso il titolare. “Ho provato a contattarlo stamattina senza mai avere risposta”, ha spiegato il primo cittadino.

Il suo portavoce ha aggiunto di aver provato telefonare pure ad altri dipendenti senza successo. Anche a Othis sono state chiuse le scuole.

Lascia un commento