Ipotesi di macroregioni, il Consiglio lucano approva mozione

All’unanimità il Consiglio regionale ha approvato la mozione di iniziativa del consigliere Pace (Gm), modificata con il contributo del consigliere Perrino (M5s), sulla proposta del deputato Morassut e del senatore Ranucci del Pd per “la riduzione delle Regioni italiane da 20 a 12, nella quale è previsto lo smembramento della regione Basilicata”.

Nel documento si ricorda che “alcuni Comuni di regioni limitrofe, Puglia, Campania e Calabria, mediante referendum, hanno espresso la chiara volontà di voler aderire alla Basilicata, ricreando un’unica identità territoriale, culturale e storica che va dal golfo di Salerno, passando per il Cilento fino al Golfo di Taranto”.

Nel sottolineare che “senz’altro su alcuni temi bisognerà ragionare in termini diversi, così come già accaduto con gli Enti locali, con le regioni limitrofe, al fine di migliorare i servizi mettendoli in comune per rendere efficace ed efficiente la spesa pubblica”, si chiede al Consiglio regionale di “inviare la mozione alle Commissioni competenti di Camera e Senato chiedendo l’audizione del Presidente della Giunta regionale per spiegare la contrarietà alla proposta e dare la disponibilità a ricercare insieme soluzioni idonee che contemperino le necessità di razionalizzazione della spesa pubblica con la difesa delle identità culturali, sociali, territoriali e storiche della Basilicata”.

Sono intervenuti, oltre al consigliere Pace (Gm) che ha illustrato la mozione, i consiglieri Spada e Cifarelli (Pd) e il Presidente della Giunta regionale Pittella.

Al termine dei lavori la conferenza dei capigruppo ha stabilito che il Consiglio tornerà a riunirsi domani mattina alle ore 11,00 per l’esame dei tre disegni di legge che compongono la manovra finanziaria per il 2015.

9 su 10 da parte di 34 recensori Ipotesi di macroregioni, il Consiglio lucano approva mozione Ipotesi di macroregioni, il Consiglio lucano approva mozione ultima modifica: 2015-01-08T23:36:25+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento