Stefanaconi, ingiunzione demolizione manufatti della vedova del boss Fortunato Patania

Emessa dal Comune alle porte di Vibo Valentia a carico della vedova del boss ucciso il 18 settembre del 2011 nella sanguinosa faida tra il gruppo di Stefanaconi e quello dei Piscopisani, detenuta dal 2012 e accusata di avere assunto un ruolo di guida della ‘ndrina dopo la morte del marito.

Giuseppina Iacopetta, proprietaria delle opere, è coinvolta nelle operazioni antimafia “Gringia” e “Romanzo criminale”, ed è accusata di associazione mafiosa, omicidi e tentati omicidi.

I manufatti di cui il Comune ha disposto la demolizione erano stati realizzati da Fortunato Patania senza permessi edilizi e invadendo anche alcuni terreni limitrofi i cui proprietari erano deceduti. Se entro 90 giorni, gli edifici non saranno demoliti, il Comune attiverà le procedure esecutive d’ufficio.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin