Giffone e Grotteria, associazione mafiosa cinque in manette

I provvedimenti restrittivi sono scattati a seguito di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Reggio Calabria su richiesta della Procura distrettuale antimafia. L’ordinanza, firmata dal gip reggino Adriana Trapani, è stata emessa nei confronti di Giuseppe Larosa, 49 anni, di Giffone, Pasquale Valente, 52 anni, di Giffone, Salvatore Bruzzese, 62 anni, di Grotteria, Antonio Mandaglio, 67 anni, di Giffone e Vincenzo Carlino, 60 anni, di Grotteria.

Il provvedimento restrittivo è scattato a seguito del fermo, da parte della Dda di indiziato di delitto, maturato il 18 novembre scorso, nell’ambito dell’operazione antimafia “Insubria” e scattata lungo l’asse Lombardia-Calabria, nei confronti, rispettivamente, di Larosa, Valente e Bruzzese, ritenuti inseriti con cariche importanti, secondo l’accusa, nei quartieri alti dei “locali” di ‘ndrangheta di Giffone e Grotteria. Per Larosa e Valente il gip del Tribunale di Palmi aveva convalidato il fermo e rimesso gli atti a quello di Reggio Calabria, avendo rilevato – come da prassi e rito – la propria incompetenza funzionale. Per Bruzzese, invece, l’autorità giudiziaria di Locri aveva ordinato l’immediata liberazione dell’indagato non ritenendo sufficientemente grave il quadro indiziario a suo carico. Secondo quanto affermato dagli investigatori e dai magistrati antimafia reggini, sarebbe emersa in particolare l’importante figura di Giuseppe Larosa, alias “Peppe la mucca”. Il reggino, secondo l’accusa, oltre ad essere in possesso della dote di “mammasantissima”, avrebbe anche occupato un ruolo di vertice nella ‘ndrangheta e in particolare nell’articolazione territoriale riconducibile al “locale”di Giffone. Locale, questo, sempre secondo quanto sostenuto dagli investigatori del Ros di Reggio Calabria e Milano, al quale sarebbero subordinate le aggregazioni malavitose operanti nella Brianza comasca e nel Lecchese: Cermenate, Fino Mornasco e Calolziocorte.

9 su 10 da parte di 34 recensori Giffone e Grotteria, associazione mafiosa cinque in manette Giffone e Grotteria, associazione mafiosa cinque in manette ultima modifica: 2014-12-06T11:20:53+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento