Open data, lunedì la presentazione del portale regionale lucano

Più trasparenza e chiarezza su ambiente, estrazioni petrolifere, sanità e infrastrutture e su tutti gli altri settori di cui si occupa la Pubblica amministrazione regionale. E per questo il governo lucano punta su gli Open data. Il primo passo è l’istituzione del portale www.dati.regione.basilicata.it in cui far convergere i dati e le informazioni. Il portale sarà presentato lunedì 24 novembre alle 10 nella sala Verrastro del Palazzo della Giunta in occasione della manifestazione Go on.

Cliccando sul sito, saranno immediatamente riutilizzabili i dati già pubblicati sul sistema dei portali della Regione in formato aperto. Subito dopo si provvederà a pubblicare tutti i dati aggregati e anonimi di cui sia titolare la Regione Basilicata. In breve tempo, diventerà così possibile a chiunque, attraverso le più comuni applicazioni di ricerca web, l’accesso libero ai dati riproducibili senza alcuna forma di pagamento e senza ulteriori autorizzazioni. Con la stessa delibera la giunta regionale ha approvato le Linee guida per gli Open Data, un documento che fissa gli obiettivi, gli ambiti e le modalità di applicazione.

“Questo provvedimento – commenta l’assessore alle Politiche di Sviluppo, Raffaele Liberali – è un provvedimento tutt’altro che formale che modificherà radicalmente anche la comunicazione interna tra gli uffici, dettando nuove regole e nuove procedure fortemente orientate alla trasparenza e all’efficienza dell’organizzazione pubblica. I dati – aggiunge Liberali – sono importanti, perché fonte concreta e inesauribile di informazioni, che si declinano e tramutano in conoscenza. Quest’ultima è, ovviamente, sinonimo di risorsa, sia perché rappresenta una fonte di arricchimento personale e comunitario, sia perché permette di compiere azioni più consapevoli e di usufruire in ogni momento della libertà che da essa deriva. Grazie alle tecnologie odierne, che consentono di creare servizi in risposta alle crescenti esigenze dei cittadini, delle pubbliche amministrazioni e delle aziende, il valore di questi dati è finalmente divulgabile in modalità semplici e immediate, nonché utilizzabile per una più attiva partecipazione nel quotidiano”.

Lascia un commento