Vicenza, i sabati del conservatorio in scena due giovani studenti

Da quindici anni il Conservatorio Arrigo Pedrollo e il Comune di Vicenza (Assessorato al Decentramento e alla Partecipazione) organizzano congiuntamente un’ampia stagione di concerti. Posizionati il sabato pomeriggio in alcuni dei più suggestivi palazzi del centro storico, i Sabati musicali sono diventati un appuntamento ormai tradizionale con la musica nel cuore di Vicenza.
Nel concerto di sabato 22 novembre alle 17 si esibiranno due studenti del prof. Marco Tezza: Iulia Pintea (I anno biennio solistico) eseguirà Due Notturni op. 55 di Fryderyk Chopin e Alberto Cricchio ( 2° ciclo PA) Fantaisie-Impromptu op. 66 di Fryderyk Chopin e Asturias (Leyenda) nonché Suite española di Isaac Albéniz. Concluderà il pomeriggio Andrea Miazzon (VIII Corso tradizionale) allievo del prof. Roberto Plano, col Carnevale di Vienna op. 26 di Robert Schumann.

Da Novembre a Maggio la stagione offre ventisei concerti di grande originalità tematica, dove gli strumenti presentano stili e repertori diversi, dalla musica antica al panorama contemporaneo. A curare i programmi, i docenti del Conservatorio di Vicenza, che presentano i più brillanti studenti e i più interessanti consort cameristici in itinerari musicali di grande qualità. Dal 2013 il Conservatorio ha ampliato la collaborazione con la Biblioteca Civica Bertoliana che ha messo a disposizione gli spazi di palazzo Cordellina, luogo in cui si terranno tutti i concerti della stagione. Una positiva affermazione arriva nel 2014 dalla volontà del vicesindaco e assessore Jacopo Bulgarini D’Elci di intervenire direttamente come assessorato alla crescita al finanziamento della stagione di concerti che cosi’ acquista il ruolo di stagione centrale nella programmazione del Comune di Vicenza.

9 su 10 da parte di 34 recensori Vicenza, i sabati del conservatorio in scena due giovani studenti Vicenza, i sabati del conservatorio in scena due giovani studenti ultima modifica: 2014-11-19T03:34:03+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento