Firenze, cimitero di Trespiano abbattimento delle barriere architettoniche

Interventi di abbattimento delle barriere architettoniche per suddividere i quadrati a sterro e realizzare vialetti al cimitero di Trespiano per un importo complessivo di 150 mila euro: lo ha deciso la giunta nella seduta odierna, approvando il progetto definitivo del primo lotto di lavori presentato dall’assessorato a Welfare e Sanità.
“Si tratta del primo di una serie di interventi per riqualificare il cimitero di Trespiano – ha detto l’assessore Funaro – dove vorrei coinvolgere gli studenti delle scuole di restauro fiorentine e i ragazzi del servizio civile che potrebbero occuparsi, ad esempio, alla manutenzione e al restauro delle lapidi e delle sculture danneggiate negli anni dal maltempo”. “Ritengo che sia importante che i giovani frequentino e vivano i cimiteri e che non li vedano come posti di cui disinteressarsi – ha spiegato Funaro – perché è proprio in questi luoghi che vive la memoria e il passato della nostra comunità”.
L’intervento va a riqualificare una zona in prossimità dell’incrocio di due vialetti con una nuova pavimentazione in autobloccanti in calcestruzzo realizzata con elementi ‘antichizzati’ e la sistemazione della fontana in posizione di rilievo. I materiali utilizzati saranno del tipo già usato per opere analoghe all’interno del cimitero e una cura particolare verrà posta nella realizzazione delle finiture, recuperando i materiali esistenti.
Inoltre, a lato della nuova strada a saranno realizzate due aiuole di oleandri che rifiniranno la strada e il quadrato.
I lavori, la cui durata è prevista in 240 giorni, rientrano nel Piano triennale degli investimenti 2014-2016 per il miglioramento e l’adeguamento alle norme igienico-sanitarie e di sicurezza.

9 su 10 da parte di 34 recensori Firenze, cimitero di Trespiano abbattimento delle barriere architettoniche Firenze, cimitero di Trespiano abbattimento delle barriere architettoniche ultima modifica: 2014-11-12T14:24:40+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento