Pop up lab sfida la crisi nel commercio e le saracinesche abbassate

Prende il via con una chiamata per idee aperta a tutti, POP UP lab – Riapriamo la città – un progetto innovativo finanziato dall’Autorità per la partecipazione della Regione Toscana per animare con attività culturali e commerciali i fondi privati dei centri storici di cinque comuni toscani. Dopo il successo della prima edizione, che si è svolta a marzo nel Comune di Castelfranco di Sotto (Pi), ed ha visto la riapertura di 30 fondi con più di 50 progetti di attività commerciali, culturali e sociali, l’idea è cresciuta ed è divenuta un vero e proprio laboratorio di sperimentazione di pratiche per costruire nuovi modelli di condivisione degli spazi cittadini.

Nei cinque Comuni coinvolti dal progetto, le amministrazioni locali individuano fondi sfitti e in accordo con i proprietari provvedono a metterli a disposizione dell’iniziativa. Singoli e gruppi formali o informali propongono un’idea o un progetto per animare i locali nel corso di tre giorni. I vincitori del bando utilizzano gratuitamente i fondi a loro destinati per realizzare le idee presentate e organizzare attività sociali, culturali e commerciali di tipo amatoriale e/o imprenditoriale.

I primi cinque Comuni che hanno creduto nell’iniziativa e vi hanno aderito sono quelli di Empoli (Fi), Campi Bisenzio (Fi), Cascina (Pi), Quarrata (Pt) e Monteverdi Marittimo (Pi). Nei loro centri storici si svolgeranno le iniziative di questa edizione di POP_UP Lab tra Dicembre 2014 e Maggio 2015. Il calendario delle iniziative prevede: POP UP Empoli 5-6-7 Dicembre 2014, POP UP Campi Bisenzio (Fi) 12-13-14 Dicembre 2014, POP UP Quarrata (Pt) 20-21-22 Marzo 2015; POP UP Cascina (Pi) 10-11-12 Aprile 2015; POP UP Monteverdi Marittimo(Pi) 15-16-17 Maggio 2015.

“La Toscana è da più parti indicata come uno dei più significativi laboratori di innovazione istituzionale. Essere una frontiera avanzata della partecipazione significa però assumersi la responsabilità di spingersi in avanti. Un’idea di partecipazione nuova, efficace ed efficiente, che non si sostituisca alle decisioni che la politica è chiamata ad assumere, ma le renda più rapide e migliori. Pratiche innovative come questa sono parte integrante del nostro approccio alla partecipazione” sottolinea l’assessore ai sistemi informativi e alla partecipazione Vittorio Bugli. “Una partecipazione non fondata sull’improvvisazione, ma sul dibattito pubblico, sull’attivazione di specifiche professionalità e su un utilizzo sistematico delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione”.

E la rivitalizzazione dei centri delle nostre città “è una priorità che non può essere affrontata senza la messa in campo di tutte le energie disponibili – afferma l’assessora alla cultura, al turismo e al commercio Sara Nocentini –. La sperimentazione di processi di rigenerazione delle città attraverso il coinvolgimento di cittadini associazioni e privati è un passo importante nella giusta direzione.”

Per partecipare presentando la propria idea o attività da insediare nei fondi di uno dei cinque comuni, è sufficiente scaricare la “call for ideas” dal sito www.popuplab.it e compilare il form di iscrizione entro lunedi 3 Novembre 2014 alle ore 13.00. La call è aperta a tutti: associazioni, gruppi informali, imprese, artigiani, aspiranti imprenditori, artisti, singoli, sia italiani sia stranieri, che presentino un progetto per riempire gli spazi vuoti con inventiva e creatività. Possono partecipare con progetti di vendita temporanea anche coloro che non hanno attività commerciale o partita iva e sono incoraggiate le candidature di singoli e di gruppi indipendentemente dalla loro provenienza e residenza.

9 su 10 da parte di 34 recensori Pop up lab sfida la crisi nel commercio e le saracinesche abbassate Pop up lab sfida la crisi nel commercio e le saracinesche abbassate ultima modifica: 2014-10-12T02:52:07+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento