Roma, il Pd fa il pieno nel consiglio metropolitano ecco gli eletti

L’affluenza è stata dell’88,67%. Il consiglio della Città metropolitana sarà composto da: 14 eletti Pd, 4 Forza Italia, 2 Nuovo Centro Destra, 2 Movimento 5 stelle, 1 Fdi e 1 Sel.

Il più votato nel Pd è stato il presidente dell’Aula Giulio Cesare, Mirko Coratti, che ha preso 43 voti puri (di cui 5 a Roma e il resto nei territori) che si traducono in 5.888 voti ponderati.

A seguire Svetlana Celli con 4.397, Mauro Alessandri con 4.270, Michela Califano con 3.375, Marco Palumbo con 3.325, Gianni Paris con 3.277, Pierpaolo Pedetti con 3.051, Orlando Corsetti con 3.028, Danilo Sordi con 2.999, Pasquale Boccia con 2.965, Massimiliano Borelli con 2.942, Dario Nanni con 2.350, Antonio Stampete con 2.255 e Federico Ascani con 1.969. Per il Pd hanno votato i 19 del gruppo, a cui va aggiunto il sindaco Ignazio Marino, più i 4 della Civica, Cosimo Dinoi del Movimento Cantiere Italia e Massimo Caprari del Centro Democratico. Si è aggiunto anche il voto di Gianluigi De Palo (Cittadini X Roma).

Questa la composizione del nuovo consiglio della Città Metropolitana. Per il Pd risultano eletti Mirko Coratti, Svetlana Celli, Mauro Alessandri, Michela Califano, Marco Palumbo, Gianni Paris, Pierpaolo Pedetti, Orlando Corsetti, Danilo Sordi, Pasquale Boccia, Massimiliano Borelli, Dario Nanni, Antonio Stampete, Federico Ascani. Per Forza Italia: Andrea Volpi (3.742 voti), Massimiliano Giordani (3.681 voti), Ignazio Cozzoli (2.236 voti), Carlo Eufemi (1.792 voti). Per il Movimento 5 stelle: Emanuele Dessì (3.237 voti) e Enrico Stefano (2.778 voti). Per Ncd: Alessandro Priori (2.871 voti) e Marco Pomarici (2.232 voti). Per Fdi: Marco Silvestroni (2.091 voti). Per Sel: Gemma Azuni (3.755 voti).

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma, il Pd fa il pieno nel consiglio metropolitano ecco gli eletti Roma, il Pd fa il pieno nel consiglio metropolitano ecco gli eletti ultima modifica: 2014-10-06T19:45:42+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento