Intervista ad Alfio Cavallotto

alfio[2]

Alfio Cavallotto e,’ assieme ai suoi fratelli, la quinta generazione che con passione e fermezza si e’ dedicato alla coltura della vite. Coinciso, determinato, si ritiene fortunato, definisce il padre ed il nonno lungimiranti nel momento in cui gia’ nel 1946 decisero di destinare le proprie uve,tutte alla vinificazione…. I loro vini sono assolutamente da degustare….

 

Chi e’Afio Cavallotto? Un produttore prima di uva e poi di vino, non lavora da solo ma assieme alla sua famiglia. Giovane uomo fortunato grazie ad un acquisto da parte degli antenati di un terreno,proprio al centro del Barolo

 

Che caratteristiche hanno i Suoi vini?

Sono classici e tradizionali, derivano da uve rare che possono crescere solo in questa zona

 

A quale genere di degustatori suggerisce i Suoi vini?

I gusti sono diversi… Ai bevitori assidui propongo il Dolcetto, per i piu’ sofisticati la Barbera , per chi dal vino pretende il massimo il Barolo che esprime la maggiore quantita’ di aromi, infatti e’ il piu’ adatto alla degustazione

 

Quale consiglio offre ai giovani imprenditori?

Non sono un dispensatore di consigli, la legislazione italiana per chi lavora bene nell’ambito dell’agricoltura non e’ un settore vessato da tasse e da imposte …. Per cui, ammetto, e’ piu’ fortunato quest’ambito rispetto a quello industriale

 

Le annate da dovere assolutamente conservare in cantina

2010, riserva 2008, 2006, 2004…. Prossimamente la2013

 

Un augurio a se stesso

Crescere ogni anno un po’ di piu’

 

La frase che piu’ La rappresenta

E’ importante il lavoro ma, lo sono ancora di piu’ gli affetti

9 su 10 da parte di 34 recensori Intervista ad Alfio Cavallotto Intervista ad Alfio Cavallotto ultima modifica: 2014-09-22T11:43:29+00:00 da Elvia Gregorace
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento