Bologna, riapre Atelier Sì in via San Vitale 69

Dopo un’importante ristrutturazione voluta e sostenuta da Comune di Bologna e Regione Emilia Romagna venerdì 26 settembre, riapre Atelier Sì, in via San Vitale 69.

Ateliersi

Atelier Sì, parte integrante del complesso San Leonardo – dato in concessione dal Comune di Bologna al collettivo di produzione artistica Ateliersi, con la direzione artistica di Fiorenza Menni e Andrea Mochi Sismondi – non è solo sede produttiva del gruppo, ma anche luogo aperto al pubblico dove Ateliersi disegna un’articolata attività di programmazione.

Mentre la produzione di Ateliersi si compone di opere teatrali e interventi artistici in cui il gesto performativo entra in dialogo organico con l’antropologia, la letteratura, la creazione musicale e le arti visive,  per favorire una comunicazione del pensiero radicata nel tessuto urbano, la linea artistica si contraddistingue per l’offerta pluriartistica e l’ approccio multidisciplinare che allarga lo sguardo a tutte le forme d’arte caratterizzate dalla presentazione dal vivo.

Il filo conduttore e il titolo dell’ampio programma della nuova stagione  2014/15 è Con il fervore del sale perché , senza il fervore del sale – dicevano gli alchimisti – non si può produrre alcuna mutazione degli elementi: si diventa sciapi, malcontenti, quasi infelici, come collettività e forse anche come singoli.

Tra gli artisti che nel corso del prossimo biennio parteciperanno a vario titolo al programma Con il fervore del sale ricordiamo: Fiorenza Menni per il Festival Focus Jelinek; Fabrizio Favale, Francesca Foscarini, Yasmin Godder, Jose San Martin e Forsyte,  ospiti del festival Gender Bender ; Motus, Silvia Calderoni, Francesca Proia, il collettivo romano Blue Motion, il duo franco/israeliano Winter Family, Cosmesi, Fratelli Broch e molto altro ancora.

9 su 10 da parte di 34 recensori Bologna, riapre Atelier Sì in via San Vitale 69 Bologna, riapre Atelier Sì in via San Vitale 69 ultima modifica: 2014-09-22T11:44:25+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento