Elezioni provinciali del 12 ottobre 2014. Il Centrosinistra pensa al Sindaco di Crotone Vallone quale candidato presidente

provincia crotoneTra meno di un mese, esattamente ventisette giorni, ci saranno le elezioni provinciali con la “nuova formula”. All’urna per scegliere presidente e consiglieri si dovranno recare Sindaci e consiglieri comunali del territorio.

Ogni coalizione e partito dovrà presentare il proprio candidato a Presidente e le liste elettorali entro domenica 21 settembre 2014 dalle ore 08.00 alle 20.00 e lunedì 22 settembre 2014 dalle 08.00 alle 12.00 (le documentazioni vanno presentate presso la segreteria generale della Provincia di Crotone in Via Mario Nicoletta n.28).

A tal proposito sono iniziate le grandi manovre dei partiti che intendono fare parte di una coalizione.

Un’elezione nuova e diversa dal passato, dove i protagonisti saranno i sindaci e i consiglieri comunali rappresentativi dei ventisette comuni della provincia. Un totale di oltre 300 “grandi elettori” che determineranno l’elezione del Presidente e quella di dieci consiglieri provinciali.

Per favorire la discussione affinché la coalizione di centrosinistra si presenti unita, il segretario provinciale Arturo Crugliano Pantisano, ha convocato presso la Federazione del Pd i rappresentanti istituzionali del centro sinistra (Sindaci e capigruppo consiliari di tutti i comuni) e quelli politici appartenenti alla coalizione di centro sinistra (erano presenti all’incontro anche dirigenti di Autonomia e Diritti, SeL, Idv, PSI e Articolo 139). I concetti chiave emersi dal partecipato incontro, sono stati: ricerca dell’unità oltre le appartenenze d’area e formazione di una proposta politica credibile nei programmi e nei contenuti. La nuova legge, impone scelte ponderate, per la responsabilità che ricade sugli elettori istituzionali, che di fatto dovranno essere capaci di raccogliere e rappresentare le istanze dei cittadini, non più protagonisti diretti. Da più parti è stata colta l’esigenza di aprire ai giovani e alle donne, ma anche di garantire quella necessaria dose di esperienza che sarà indispensabile avere per governare una fase così delicata e caratterizzata oltre che dalle storiche difficoltà che l’ente intermedio affronta in termini economici anche dall’insicurezza determinata dall’evoluzione normativa in atto. Il Segretario provinciale, Arturo Pantisano, ha aggiornato la riunione chiedendo un impegno aggiuntivo a tutti i partecipanti affinché si possa arrivare attraverso i giusti approfondimenti, alla proposta politica migliore, capace di individuare le figure che abbiano le caratteristiche più consone alla sfida e siano maggiormente condivise da tutti i rappresentanti istituzionali. Il nome che trova maggiore consenso come candidato a presidente è quello di Peppino Vallone Sindaco della Città capoluogo. L’obiettivo sul quale tutti hanno confermato il loro massimo impegno è riconsegnare al centro sinistra la provincia di Crotone e nonostante i tagli economici subiti, mettere in campo quelle azioni di sistema necessarie che l’ente dovrà garantire ai cittadini del territorio anche in questa nuova fase istituzionale.

Erano presenti tra gli altri, il parlamentare Nazionale Nicodemo Oliverio, il Consigliere regionale Ciccio Sulla, i Sindaci di Crotone, Verzino, Petilia, Strongoli, S. Nicola dell’Alto, Carfizzi, Roccabernarda, Umbriatico, Melissa, Crucoli, Castelsilano, Caccuri, le rappresentanze consiliari di Cotronei, Cutro, Casabona, Isola Capo Rizzuto, Pallagorio, Savelli, i consiglieri provinciali uscenti Devona, Scigliano, Bonofiglio, i consiglieri comunali di Crotone Iritale, Mellace, Panucci, i segretari di circolo di Crotone e Cutro.

9 su 10 da parte di 34 recensori Elezioni provinciali del 12 ottobre 2014. Il Centrosinistra pensa al Sindaco di Crotone Vallone quale candidato presidente Elezioni provinciali del 12 ottobre 2014. Il Centrosinistra pensa al Sindaco di Crotone Vallone quale candidato presidente ultima modifica: 2014-09-15T17:12:28+00:00 da Giuseppe Livadoti
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn2

Lascia un commento