Jerago con Orago, Luciano Borile uccide a coltellate Angelo Crespi

Una banale lite finita in tragedia in provincia di Varese. Luciano Borile, 64 anni, ha ucciso il cognato Angelo Crespi, 60 anni, colpendolo con alcune coltellate durante una lite per il volume troppo alto del televisore.

La tragedia è avvenuta a Jerago con Orago. La vittima è stata colpito più volte con un coltello da cucina nel salotto di casa, dove è stato trovato il cadavere, in una pozza di sangue.

Dopo il delitto, l’assassino ha chiamato i Carabinieri per costituirsi ed è stato arrestato.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento