Bologna, trecento nuove residenze sociali al quartiere Navile

Si tratta di nuovi alloggi in Edilizia residenziale sociale da realizzare nel comparto dell’ex mercato ortofrutticolo al quartiere Navile. È l’oggetto di un Avviso pubblico che l’Amministrazione comunale emanerà per raccogliere le manifestazioni di interesse da parte delle imprese costruttrici. L’area, di proprietà del Comune di Bologna, conta 9.621 metri quadrati di superficie territoriale per una potenzialità edificatoria complessiva di 22.617 metri quadrati.

Il progetto è stato approvato dalla Giunta ed illustrato dall’assessore alle Politiche abitative Riccardo Malagoli. “La Regione Emilia-Romagna ha riservato una posta di bilancio di 10 milioni a disposizione delle politiche sociali per la casa del Comune di Bologna. L’ERS è rivolta a quelle fasce di popolazione che sono in grado di uscire dall’Edilizia residenziale pubblica (ERP), ma che non riescono a trovare risposta alle proprie esigenze nel mercato libero. Questo investimento ci permette dunque di intervenire sulla filiera dell’abitare, ad esempio liberando spazi nelle case popolari”, spiega l’assessore.

residenze

L’Avviso pubblico è “propedeutico a valutare quanto il mercato è in grado di darci una mano a sbloccare quell’area importantissima per lo sviluppo della città. Le imprese dovranno indicare dei dati di sintesi sul progetto che intendono portare avanti, in particolare sul numero degli alloggi, sulle categorie sociali ammesse, sui tempi di realizzazione, e altro. Valuteremo le proposte che ci arriveranno e con la Regione Emilia-Romagna e faremo un percorso che ci porterà a pubblicare il bando per l’aggiudicazione dei lavori di realizzazione degli alloggi speriamo già entro al fine dell’anno”, conclude Malagoli.

9 su 10 da parte di 34 recensori Bologna, trecento nuove residenze sociali al quartiere Navile Bologna, trecento nuove residenze sociali al quartiere Navile ultima modifica: 2014-09-04T02:40:59+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento