La Cineteca di Bologna alla 71ª Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia con 4 grandi restauri

Lo stralunato Enzo Jannacci alla ricerca di un impossibile colloquio col Papa, le viscere del potere scandagliate da Leonardo Sciascia, la dignità di un uomo comune nell’Italia del secondo Dopoguerra, gli intrecci politici e familiari squarciati dallo sguardo cinematografico sul finire degli anni Sessanta.

Todo modo

Il grande cinema italiano, quello che ha anticipato, raccontato e trasfigurato la nostra storia rivive nei restauri che la Cineteca di Bologna e il suo laboratorio L’Immagine Ritrovata portano alla 71ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, nella sezione ‘Venezia Classici’, in programma dal 27 agosto al 6 settembre:

L’udienza, diretto da Marco Ferreri nel 1971 e interpretato, tra gli altri, da Enzo Jannacci, Ugo Tognazzi, Vittorio Gassman, Claudia Cardinale, Michel Piccoli. Un restauro promosso dalla Cineteca di Bologna e dal Museo Nazionale del Cinema di Torino, in collaborazione con Cristaldi Film, reso possibile grazie alla campagna di crowdfunding portata avanti sul sito MakingOf.it;

Todo Modo (1976), tratto da Leonardo Sciascia e interpretato da Gian Maria Volonté, Marcello Mastroianni e Mariangela Melato, si inserisce nel progetto di recupero dei film di Elio Petri che la Cineteca di Bologna e il Museo Nazionale del Cinema di Torino stanno realizzando in questi anni (ricordiamo che nel 2013 proprio un restauro di Elio Petri, La proprietà non è più un furto, vinse il Leone della sezione Venezia Classici)

Dopo la grande mostra dedicata a Vittorio De Sica, Tutti De Sica, lo scorso anno a Roma, la Cineteca di Bologna torna sul padre del Neorealismo con il restauro, promosso da CSC – Cineteca Nazionale, in collaborazione con la Cineteca di Bologna, l’Associazione Vittorio De Sica e RTI, di Umberto D., realizzato da Vittorio De Sica nel 1952;

Nasce invece Oltreoceano il restauro di La Cina è vicina, film diretto da Marco Bellocchio nel 1967: promosso da Sony Pictures Entertainment (a partire dalla copia d’epoca di riferimento dell’Archivio Storico delle Arti Contemporanee della Biennale di Venezia – ASAC) in collaborazione con la Cineteca di Bologna, verrà realizzato dai laboratori Colorworks e L’Immagine Ritrovata.

Il restauro di L’udienza (1971) di Marco Ferreri è realizzato dal laboratorio L’Immagine Ritrovata e promosso da Cineteca di Bologna e Museo Nazionale del Cinema di Torino, in collaborazione con Cristaldi Film.

Il restauro di Todo Modo (1976) di Elio Petri è realizzato dal laboratorio L’Immagine Ritrovata e promosso da: Cineteca di Bologna e Museo Nazionale del Cinema di Torino, in collaborazione con Surf Film.

Il restauro di Umberto D. (1952) di Vittorio De Sica è realizzato dal laboratorio L’Immagine Ritrovata e promosso da: CSC – Cineteca Nazionale di Roma, in collaborazione con Cineteca di Bologna, l’Associazione Vittorio De Sica e RTI.

Il restauro di La Cina è vicina (1967) di Marco Bellocchio è realizzato dai laboratori Colorworks e L’Immagine Ritrovata e promosso da: Sony Pictures Entertainment (copia d’epoca di riferimento dell’Archivio Storico delle Arti Contemporanee della Biennale di Venezia – ASAC), in collaborazione con Cineteca di Bologna.

9 su 10 da parte di 34 recensori La Cineteca di Bologna alla 71ª Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia con 4 grandi restauri La Cineteca di Bologna alla 71ª Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia con 4 grandi restauri ultima modifica: 2014-08-27T02:09:59+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento