Tarquinia, unanimità del consiglio alla lettera del sindaco contro l’eventuale chiusura di ostetricia

Consiglio comunale compatto accanto al sindaco Mauro Mazzola nel difendere il reparto di ostetricia dell’ospedale di Tarquinia. L’assemblea che si è svolta ieri 25 agosto ha espresso all’unanimità l’assenso al testo della lettera inviata dal primo cittadino al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, dove chiede l’apertura di un confronto sul tema. Il voto è stato rafforzato dal documento presentato dalla maggioranza a sostegno dell’azione del primo cittadino. «Ostetricia non può essere chiusa. – ha detto il sindaco Mazzola – Ho già scritto al presidente Zingaretti e al direttore generale dell’Ausl di Viterbo Luigi Macchitella, per esprimere il mio disappunto e disorientamento. Non dimentichiamo che l’ipotesi di chiudere l’ospedale di Tarquinia fu scongiurata già nel 2010 grazie ai numeri di questo reparto, dimostrando inoltre che molti utenti provenivano da Civitavecchia. È inoltre inammissibile che gli amministratori locali, come primi responsabili di fronte ai cittadini, non siano stati ascoltati in materia». Il primo cittadino indica la strada da seguire per una nuova e più efficiente sanità costiera: «È necessaria una collaborazione con Civitavecchia, per far sì che i servizi di sanità del territorio non vadano indebolendosi separatamente ma si uniscano per garantire la giusta assistenza ai cittadini. In tal senso, l’obiettivo finale dovrebbe essere la costruzione di un presidio ospedaliero costiero, che sia punto di riferimento per tutti i comuni del litorale e dell’immediato entroterra e garantisca servizi di eccellenza».

9 su 10 da parte di 34 recensori Tarquinia, unanimità del consiglio alla lettera del sindaco contro l’eventuale chiusura di ostetricia Tarquinia, unanimità del consiglio alla lettera del sindaco contro l’eventuale chiusura di ostetricia ultima modifica: 2014-08-26T10:22:22+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento