Vicenza, World music live festival a Campo Marzo sabato 23 concerto doppio

Ritmo gitano, swing, arte di strada, improvvisazione, jazz, ma anche rielaborazione in chiave acustica dei brani pop della musica da film più famosi degli ultimi decenni.
Sabato 23 agosto il palco del World music live festival a Campo Marzo ospiterà in due diversi momenti le formazioni vicentine dei “Les Manouches Bohémiens” e il duo “A bassa voce”
Il concerto, ad ingresso libero, inizierà alle 21.

“Les Manouches Bohémiens”, band composta da Federico Zaltron al violino, Nicolò Apolloni alla chitarra e Marco Penzo al contrabbasso, nasce suonando lungo le strade di Vicenza grazie all’incontro di musicisti provenienti da varie esperienze musicali.
Unito dalla passione per il jazz manouche, il trio ha avuto fin da subito un grande successo esibendosi dapprima in strada, dove è stato notato anche da famosi musicisti come Hyung-ki Joo del duo “Igudesman and Joo”, Roy Paci, Yorgui Loeffer, Boulou Ferré, Moriarty, Daniel John Martin, e  in seguito in locali, festival e club.
Numerosi sono ad oggi i concerti tenuti per il “Vicenza Jazz Festival”, le esibizioni al Panic Jazz Club, all’ “Antiruggine” di Mario Brunello, significative le partecipazioni al “Ferrara Buskers Festival” e al “Meeting di Arte, Musica e Intercultura”.
Il trio si è arricchito negli anni musicalmente grazie a collaborazioni e incontri con importanti musicisti come Angelo Debarre, Yorgui Loeffer, Billy Weiss, Boulou e Elios Ferré, Jacopo Martini, Augusto Creni, Maurizio Geri, Rares Morarescu, William Brunard, Alexian Santino Spinelli.
L’incisione dell’album “Torno Subito” rappresenta il primo passo verso la ricerca di nuovi ritmi, armonie, timbri e l’inizio di un’intensa esperienza compositiva.
“Les Manouches Bohémiens” non dimentica la sua origine “di strada”, dove ancora oggi si esibisce con grande entusiasmo.

Il duo “A Bassa Voce”, nato nel 2010 dal sodalizio dei vicentini Claudia Valtinoni (voce) e Toni Moretti (basso elettrico, loop station), rielabora in chiave acustica alcuni dei brani più belli degli ultimi decenni tratti dal repertorio che spazia dal jazz al pop passando per alcuni classici della musica per film, come  Moon River  (Colazione da Tiffany),  Somewhere over the rainbow  (Il mago di Oz), Life is beautiful  that way  (La vita è bella).
L’esecuzione è affidata alla voce e al basso a 6 corde, ed è talvolta supportata dall’impiego di una loop station. Ne scaturisce così una interpretazione limpida, in grado di mettere in evidenza la purezza e l’essenzialità delle musiche proposte.
Dal giorno del debutto il duo ha tenuto moltissimi concerti, sia in piccoli spazi sia in luoghi più ampi e jazz festival, come la  Fiera della musica di Bologna o il prestigioso locale jazz di Milano Le Scimmie, e ha aperto il concerto del chitarrista americano Frank Vignola al teatro Millepini di Asiago. Durante alcuni spettacoli sono nate interessanti performance con importanti musicisti che si sono divertiti ad integrarsi ed aggiungere un tocco personale al duo.
A Bassa Voce vanta collaborazioni con numerosi musicisti come il chitarrista Frank Vignola il cantante gospel Knaugi Damon Knagui, il trombettista jazz Fabrizio Gaudino, i sassofonisti Alberto Vianello e Andrea Pimazzoni.
Esce nel mese di dicembre 2011  il primo cd “a Bassa Voce” che raccoglie alcuni tra i migliori brani che fanno parte del repertorio, ai quali si aggiunge anche un inedito. E’ del dicembre 2013 il  secondo cd, “ Una Cometa”, realizzato con un’orchestra d’archi e alcuni prestigiosi jazzisti:  Javier Girotto al sax soprano,  Fabrizio Gauino alla tromba e Luca Nardon alle percussioni.

World music live festival è una delle iniziative estive proposte del Comune di Vicenza, in collaborazione con Framevolution – World Music Management, a Campo Marzo.

9 su 10 da parte di 34 recensori Vicenza, World music live festival a Campo Marzo sabato 23 concerto doppio Vicenza, World music live festival a Campo Marzo sabato 23 concerto doppio ultima modifica: 2014-08-19T20:19:51+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento