Il supermicroscopio che mette a fuoco dettagli di cellule e virus mai visti prima

Microscopia elettronicaPubblicato su Plos One, il risultato “apre nuove frontiere” osservano i ricercatori. Rende possibili diagnosi più precise perché permette di osservare il comportamento di singole proteine.

Uno dei primi risultati è stata l’immagine delle particelle del virus dell’epatite B, impossibile da osservare con i microscopi finora disponibili. Il supermicroscopio combina una tecnica che permette di seguire il movimento delle molecole all’interno della cellula (chiamata pCF) con una tecnica di “super-risoluzione” (Sted), che consente di produrre immagini con un dettaglio inferiore a 100 miliardesimi di metro (nanometri), superando i limiti degli attuali microscopi ottici, che si fermano a 200 nanometri.

Il supermicroscopio è nato dalla collaborazione fra Istituto di nanoscienze del CNR di Pisa, Scuola Normale e I.T.I. di Genova e Pisa.

9 su 10 da parte di 34 recensori Il supermicroscopio che mette a fuoco dettagli di cellule e virus mai visti prima Il supermicroscopio che mette a fuoco dettagli di cellule e virus mai visti prima ultima modifica: 2014-08-08T10:05:48+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento