Firenze, due fioriere delimiteranno l’ingresso nell’area pedonale di via dell’Ariento

Da domani due fioriere con campanule blu, piccole rose gialle, Veronica viola, peperoncini gialli ed Exacum saranno posizionate all’ingresso dell’area pedonale di via dell’Ariento, lungo via Nazionale, in prossimità dell’imponente tabernacolo delle Fonticine e prenderanno il posto di quattro paletti con catene, rimossi nei giorni scorsi.
Le fioriere di fattura artigianale con basamento in pietra forte e vaso in cotto di produzione imprunetina sono disegnate dall’Ufficio arredo urbano del Comune e sono dello stesso modello di quelle collocate in piazza Duomo e in altri luoghi del centro storico.
“Con la sostituzione dei paletti con le fiorire si completa un piccolo ma significativo intervento di arredo urbano – hanno detto gli assessori ai Lavori pubblici e all’Ambiente, Stefano Giorgetti e Alessia Bettini – e si va incontro alle esigenze espresse da residenti e commercianti per migliorare l’accessibilità e il decoro di questo luogo. È un altro segno, piccolo ma concreto, della volontà di rendere più belle e vivibili le piazze e le strade della città”.
I fiori che adorneranno le due fioriere monumentali sono stati pensati per enfatizzare i colori dell’opera ‘la Madonna col Bambino’ che sovrasta la fonte con vasca in marmo ornata di teste di cherubino da cui zampilla l’acqua. L’opera in terracotta invetriata policroma attribuita ai Della Robbia è caratterizzata da colori turchini, festoni verdi ornati di agrumi e frutti e manti giallo oro che riecheggeranno nelle fioriere dove una coroncina di campanule blu (Platycodon sp.) circonderà alcune piante di Rosa Kordana giallo oro, Veronica viola, peperoncini gialli ed Exacum, dall’intenso aroma di vaniglia.

9 su 10 da parte di 34 recensori Firenze, due fioriere delimiteranno l’ingresso nell’area pedonale di via dell’Ariento Firenze, due fioriere delimiteranno l’ingresso nell’area pedonale di via dell’Ariento ultima modifica: 2014-08-07T21:18:59+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento