L’assessore Berlinguer torna a Bucaletto e incontra i cittadini

L’aveva promesso e ha mantenuto: l’assessore Aldo Berlinguer oggi pomeriggio è tornato a Bucaletto, il borgo post-sisma di Potenza, invitato dall’associazione La Nuova Cittadella. Con lui anche il sindaco di Potenza, Dario De Luca.

Dopo aver conosciuto i membri dell’associazione, visitato alcuni “punti caldi”, parlato e ascoltato, l’assessore ha potuto verificare cosa anima i cittadini di Bucaletto: l’esigenza di lasciarsi alle spalle gli anni dell’emergenza, la voglia di superare un presente fatto di difficoltà di vario tipo. E il desiderio, forte, di guardare al futuro.

I problemi sono tanti, come riconosce lo stesso Berlinguer: i prefabbricati che, oramai vecchi, si disfano; i cumuli di detriti contenenti amianto; la vicinanza della Siderpotenza; il cosidetto “elettrosmog”; il traffico del Raccordo autostradale; e, più in generale, un senso di incuria e abbandono che contribuisce ad abbassare la qualità della vita.

“Da quando sono arrivato – ha spiegato l’assessore – ho speso molto impegno per Bucaletto. L’Arpab ha svolto, su mia richiesta, un’indagine sull’amianto disperso nell’ambiente. Sulla Siderpotenza ho sollecitato di mio pugno Arpab, Istituto superiore di sanità e gli uffici del dipartimento Ambiente. Inoltre, ho seguito passo per passo il calendario di attività che l’azienda ha messo e metterà in campo per ridurre drasticamente ogni impatto ambientale”.

“Posso assicurare – ha aggiunto – che proseguirò nel mettere a disposizione dei cittadini di Bucaletto ogni risorsa disponibile”.

Berlinguer saluta gli abitanti della Cittadella con una nuova promessa: un altro incontro a settembre – con il coinvolgimento di altre istituzioni – e la prosecuzione del tavolo tecnico aperto su Bucaletto.

9 su 10 da parte di 34 recensori L’assessore Berlinguer torna a Bucaletto e incontra i cittadini L’assessore Berlinguer torna a Bucaletto e incontra i cittadini ultima modifica: 2014-08-06T19:18:58+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento