Milano, Monumentale Museo a Cielo Aperto

Un’intera mattina di eventi a ingresso libero per riscoprire il Cimitero Monumentale tra musica, poesia e teatro. Domenica 3 agosto, dalle 10 alle 13, è in programma il secondo appuntamento di “Monumentale: Museo a Cielo Aperto” la rassegna ideata dal Comune di Milano e dalla Fondazione Milano – Scuole Civiche per valorizzare e promuove questo scrigno d’arte  anche durante l’estate milanese.

“Il successo di pubblico fatto registrare nel corso del primo appuntamento del  1 luglio dimostra l’interessare della città verso una rassegna che ogni prima domenica del mese rende il Cimitero Monumentale protagonista non solo dell’estate di Milano ma della vita culturale della città”. Così l’assessore al Commercio, Attività produttive e Turismo Franco D’Alfonso. “Una cornice unica – prosegue l’assessore – che con la sua architettura  e la suggestione dei suoi spazi si presta a ospitare rassegne teatrali e musicali di qualità che incentivano i turisti e i milanesi a riscoprire questo scrigno d’arte che parla di Milano, dei suoi protagonisti e della sua storia”.

Il Cimitero Monumentale di Milano con il suo  Il Famedio, tempio civico dedicato alla sepoltura dei cittadini illustri, e il suo cortile interno si trasformeranno per tutta la mattina in palcoscenici per rappresentazioni teatrali e concerti.

Ad aprire la giornata, alle 10.30, una pièce teatrale dedicata alla solidarietà umana e al senso di appartenenza a una collettività, emersi in  momenti cruciali della storia della città come valori fondamentali, allora come oggi irrinunciabili. “Ecco la Guerra!” riporta allo scoppio della bomba che ha colpito la scuola elementare “Francesco Crispi” uccidendo 194 bambini. Dopo la tragedia, una donna – interpretata da Sara Zanobbio – si fa portavoce di tutti i milanesi che “della guerra non ne possono più”. La pièce, riallestita per il pubblico del Monumentale, è stata ideata e realizzata da Milano Teatro Scuola Paolo Grassi con la direzione artistica di Massimo Navone per il progetto Identità Milano in collaborazione con La Triennale di Milano e il Comune di Milano.

A seguire, il monologo “La presunzione del maiale”, tratto da Mistero Buffo e altre storie di Dario Fo e Franca Rame e interpretato da Simone Formicola, diplomato di Milano Teatro Scuola Paolo Grassi. Fedele agli insegnamenti del maestro Dario Fo, il monologo è impostato secondo i canoni della Commedia dell’Arte, utilizza una lingua reinventata, miscela di molti linguaggi fortemente onomatopeica, e una gestualità di carattere giullaresco. Fa parte di una serie di racconti popolari, tratti da giullarate e fabliaux del medioevo italiani ed europei, riscritti in chiave giocosa e politica. Dalla parabola della morte di Lazzaro al racconto morale del Cieco e lo storpio; dalla storia della tigre, tutta da ridere, a quella di Maria dolente per la morte di Gesù: la commistione tra comico e drammatico non sfugge a un repertorio che oltre a divertire vuol fare riflettere.

A conclusione della mattinata, alle ore 12, un concerto a cura dei Civici Corsi di Jazz della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado. Nel cortile interno, Niccolò Barozzi, al pianoforte e Daniele Pavignano alla batteria si esibiranno in una  isolita jam session.

Nel pomeriggio, spazio a due passeggiate tematiche organizzate dall’Associazione Amici del Monumentale.  La prima “Scrittori e Poeti” con inizio alle ore 14 racconterà gli autori che qui riposano da Alessandro Manzoni ad Alda Marini. La seconda “Tesori Nascosti” con partenza alle ore 17 illustrerà i tesori nascosti nelle gallerie del Famedio.

Il prossimi appuntamenti della rassegna “Monumentale: Museo a Cielo Aperto” sono in programma  domenica   7 settembre, sempre dalle 10 alle 13,  mentre il 5 ottobre e il 2 novembre gli eventi dureranno per l’intera giornata.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, Monumentale Museo a Cielo Aperto Milano, Monumentale Museo a Cielo Aperto ultima modifica: 2014-08-01T13:22:31+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento