Messina, in manette cinque scafisti hanno ucciso molti passeggeri

Sono almeno 180 i clandestini morti, gettati in mare o pugnalati dagli scafisti, sullo stesso barcone dove nella stiva sono stati i cadaveri di 29 persone asfissiate dalle esalazioni del motore. Dopo il racconto di 561 superstiti arrivati domenica a Messina, la Polizia ha arrestato cinque trafficanti con l’accusa di omicidio plurimo aggravato.

Vengono accusati dell’assassinio di decine di loro compagni durante la traversata. Per fare spazio sul barcone sovraccarico, gli indagati hanno spinto fuori bordo moltissimi passeggeri e allo stesso modo si sono disfatti dei cadaveri di chi è stato ammazzato sul barcone, a coltellate o a botte.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin