Cerignola, soldi per abortire arrestati i medici Osvaldo Battarino e Giuseppe Belpiede

In manette sono finiti due dottori dell’ospedale “Tatarella” di Cerignola nel Foggiano. Avrebbero costretto giovani pazienti a sborsare 100 euro per abortire, nonostante l’intervento sia interamente a carico del Sistema sanitario nazionale. Gli arrestati sono Osvaldo Battarino, 56 anni, e Giuseppe Belpiede, 62 anni, entrambi posti ai domiciliari. Sono chiamati a rispondere di concussione continuata in concorso. I casi accertati sarebbero almeno venti.

L’indagine è stata avviata alla fine del 2013, quando un uomo ha denunciato Battarino ai Carabinieri per aveva preteso il pagamento in contanti per eseguire l’interruzione volontaria di gravidanza alla figlia.  Di fronte alle sue proteste, il medico avrebbe detto che, in caso di mancato pagamento, l’intervento non sarebbe stato compiuto prima del novantesimo giorno di gravidanza. Secondo gli inquirenti non si sarebbe trattato di un caso isolato bensì di una prassi consolidata.

Dopo il versamento dei cento euro, i pazienti venivano divisi a metà tra i due professionisti, entrambi di Cerignola e unici, all’interno della struttura pugliese, a non aver sollevato obiezione di coscienza. Gli arresti sono stati compiuti dai Carabinieri in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Foggia su richiesta della Procura.

9 su 10 da parte di 34 recensori Cerignola, soldi per abortire arrestati i medici Osvaldo Battarino e Giuseppe Belpiede Cerignola, soldi per abortire arrestati i medici Osvaldo Battarino e Giuseppe Belpiede ultima modifica: 2014-07-11T13:18:40+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento