Milano, un ponte con Pompei per promuovere le eccellenze italiane

Pisapia e UlianoUn Protocollo di Amicizia e un ‘ponte’ di collegamento tra Milano e Pompei per valorizzare reciprocamente le rispettive città.

Questo pomeriggio a Palazzo Marino il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia ha incontrato il neo Sindaco di Pompei Ferdinando Uliano. I due Sindaci hanno parlato di diversi temi, dal confronto sull’attività amministrativa, alle possibili collaborazioni culturali e turistiche.

“E’ stato un incontro estremamente positivo ed entusiasmante – ha detto il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia -. Ho trovato piena sintonia nel confronto con il collega Uliano. Proprio per sancire questo rapporto di sincera collaborazione abbiamo deciso che a breve firmeremo un Protocollo di Amicizia tra Milano e Pompei. Abbiamo anche avviato un dialogo tra istituzioni per avere la presenza di Pompei durante ‘Expo in Città’. Vogliamo poter mostrare al mondo questa straordinaria bellezza italiana, patrimonio dell’umanità, a Milano durante Expo 2015, quando arriveranno milioni e milioni di visitatori. Ma sarà una collaborazione che andrà oltre Expo, perché la valorizzazione delle nostre città non ha confini temporali, né geografici”.

“Questo Protocollo d’Amicizia rappresenta un passo importantissimo tra due Comuni di cultura millenaria. Una chiara espressione di volontà tra le due Amministrazioni al fine di favorire la reciproca conoscenza, la condivisione di esperienze, lo scambio di buone prassi, nonché la promozione di una cultura di solidarietà. Avvieremo assieme iniziative culturali e sociali capaci di offrire nuove possibilità di investimento e crescita per portare anche fuori dai confini nazionali le eccellenze del nostro Paese”, lo ha affermato il Sindaco di Pompei Ferdinando Uliano.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, un ponte con Pompei per promuovere le eccellenze italiane Milano, un ponte con Pompei per promuovere le eccellenze italiane ultima modifica: 2014-07-10T19:04:48+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento