Firenze, sgomberata Villa Carobbi a Novoli

È stata sgomberata Villa Carobbi, la grande villa ottocentesca di Novoli occupata abusivamente. L’intervento, effettuato dalla Questura, non era stato programmato ed è scattato nella giornata di martedì. Sul posto sono intervenuti anche la Polizia municipale, la Protezione civile del Comune e i Servizi sociali.
“Anche in questa occasione il Comune ha risposto dando accoglienza alle persone in difficoltà – ha detto l’assessore a Welfare, accoglienza e integrazione Sara Funaro -, mettendo a disposizione i nostri servizi per minori e famiglie con situazioni di grave fragilità e problemi sanitari”. “Un ringraziamento particolare va agli agenti della Polizia municipale, agli operatori dei Servizi sociali e della Protezione civile del Comune per la responsabilità e la professionalità con cui hanno operato – ha continuato -. Allo stesso modo vorrei dire grazie anche alle forze dell’ordine presenti e alle strutture di accoglienza per l’auto che ci hanno dato e che continueranno a darci in futuro per gestire l’accoglienza”.
Complessivamente sono 18 le persone accolte nelle strutture: un nucleo familiare composto da 4 persone è stato accolto nella struttura Casa Serena – Settore camere Fuligno (ASP-Acisjf); una famiglia di 5 persone è stata accolta nella struttura San Michele a Rovezzano (Caritas) che poi sarà accolta nella struttura San Felice (gestione Progetto Sant’Agostino). Il padre è stato accolto presso l’Albergo Popolare. Entrambi i nuclei familiari hanno al loro interno bambini con problemi di salute gravi.
Infine, una famiglia di 9 persone è stata accolta nella struttura Pronto Dimmi (CTM-Nuccia).
Il Comune ha offerto accoglienza anche a un ragazzo minore che, però, ha rifiutato insieme al padre e ad altri due minori di cui il familiare ha rifiutato l’accoglienza.

9 su 10 da parte di 34 recensori Firenze, sgomberata Villa Carobbi a Novoli Firenze, sgomberata Villa Carobbi a Novoli ultima modifica: 2014-07-02T03:24:47+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento