Mondo della moda, artisti e associazioni insieme contro la violenza sulle donne

Il Comune di Milano, 50 brand rappresentativi del Made in Italy, 20 tra artiste e scrittrici oltre a 16 Onlus, tutti insieme nella costruzione di Wall of Dolls l’istallazione in cui le bambole, simbolo di speranza, di futuro, di creatività e bellezza testimoniano il rifiuto della violenza sulle donne . L’istallazione visibile al pubblico – da sabato 21 giugno alle ore 16:00 sul muro del Centro culturale di via De Amicis,2 – in occasione della settimana della Moda maschile, è stata presentata questa mattina a Palazzo Marino dagli assessori Pierfrancesco Majorino (Politiche sociali e Cultura della salute) e Cristina Tajani (Politiche per il lavoro, Moda e Design) con la consigliera Rosaria Iardino insieme Jane Reeve, Amministratore delegato della Camera della Moda e alla conduttrice Jo Squillo testimonial di “Wall of Dolls”.

“È significativo che i protagonisti del mondo della moda abbiano deciso di spendere il proprio nome per una causa così importante, anche alle luce dei recenti fatti di cronaca. Fatti che dimostrano come ci sia ancora molto da fare per contrastare la violenza sulle donne ed ogni discriminazione di genere” così commenta l’iniziativa l’assessore alle Politiche per il lavoro, Moda e Design Cristina Tajani . “Violenza – conclude l’assessore – che avviene soprattutto tra le mura domestiche e ancora oggi nascosta, è necessario quindi che tutti e in primo luogo chi è più conosciuto dal grande pubblico apporti il suo contributo per sensibilizzare le nuove generazioni e la cultura maschile”.

“Con la associazioni che si occupano di donne malatratte e vittime di violenza – ha detto l’assessore alle Politiche sociali,Pierfrancesco Majorino – abbiamo creato una rete attiva sul territorio con cui portiamo soccorso, offriamo assistenza e protezione e promuoviamo iniziative per diffondere la cultura del rispetto difendendo le donne da ogni forma di abuso. I fatti accaduti negli ultimi giorni ci ricordano che c’è ancora molto da fare ed è assolutamente positivo che anche dal settore della moda giunga un importante sostegno a questa causa”.

Per comprendere la gravita del fenomeno, secondo i dati riportati dall’Organizzazione mondiale della Sanità, sono oltre 130 milioni le donne che hanno subito mutilazioni genitali. 1 donna su 5 è stata vittima di violenza fisica o sessuale, oggi in alcuni paesi lo stupro da parte del marito è ancora legale e la brutalità sulle donne è una normale componente culturale. In Europa circa 62 milioni di donne – 1 su 3 – sono vittime di maltrattamenti.

Le bambole realizzate ad hoc da stilisti, artisti, scrittrici, celebrities e associazioni daranno vita a un vero e proprio muro del ricordo che dalla capitale della moda, Milano, farà tappa nelle principali città italiane e europee per testimoniare come quanto spesso la femminilità venga violata e nel contempo sensibilizzare i cittadini a una nuova cultura del rispetto della donna e della sua femminilità.

9 su 10 da parte di 34 recensori Mondo della moda, artisti e associazioni insieme contro la violenza sulle donne Mondo della moda, artisti e associazioni insieme contro la violenza sulle donne ultima modifica: 2014-06-20T03:12:10+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento